Atalanta, l’appetito vien giocando. Quanta fame i nuovi acquisti

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


Essere continui ti può portare a lottare per traguardi molto ambiziosi, ma c’è anche un particolare elemento che, più di tutti, risalta la grandezza di una squadra: la fame. Quella voglia di lottare su ogni pallone con l’obiettivo esclusivo di vincere senza andare a compressi: anche soltanto per 15 minuti bisogna sputare sangue per dimostrare il proprio valore, indipendentemente da chi sei e da dove vieni. All’Atalanta l’appetito è all’ordine del giorno, e nessuno è mai sazio di vittorie, soprattutto i nuovi arrivati che, fin da subito, hanno mostrato tanta voglia di ritagliarsi un posto in squadra.

Aldilà del lavoro graduale, quanta voglia di fare bene all’Atalanta: la fame dei nuovi acquisti – Da Lammers a Mojica fino ad arrivare a Depaoli, ma l’elemento che li accomuna è quella fame che ha contraddistinto questa Atalanta da cinque anni a sta parte. Certo, tra l’essere una semplice comparsa e diventare un campione c’è di mezzo il campo, ma difficilmente si vedono fin da subito le nuove pedine così motivate a fare bene: situazione che capita dopo solo qualche mese. Vedere tali giocatori impegnati fin da subito, in un contesto di ottimismo e fame, fa ben sperare per il proseguimento della stagione. Chi ben comincia è a metà dell’opera, ma occhio a non saziarsi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: