Atalanta, Percassi su Diallo e Kulusevski: “Un piccolo prezzo da pagare. Ecco perché”

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


L’Atalanta si sta preparando al meglio per la partita contro il Napoli: considerata da tutti come uno scontro diretto per l’alta classifica. I nerazzurri di Gian Piero Gasperini sono abbastanza carichi, e quota 12 punti non è così irraggiungibile: tenendo presente che la Dea ha scritto record su record già nelle prime giornate di campionato (e non solo per il punteggio pieno). Ambizione, ma allo stesso tempo piedi per terra: proprio come il presidente Antonio Percassi. Il numero uno dell’Atalanta, sempre ai microfoni de L’Eco di Bergamo, ha motivato la cessioni di alcuni giovani di spicco della primavera: in particolar modo Diallo (direzione Manchester United attraverso una particolare operazione che sfiora i 40 milioni di euro) e Kulusevski (andato alla Juventus per 35 milioni più bonus).

Le dichiarazioni di Antonio Percassi sui giovani dell’Atalanta

“L’Atalanta dopo due terzi posti consecutivi inizierà la sua seconda Champions League. La nostra priorità era quella di non cedere per nessuna ragione i titolari che hanno contribuito a questi risultati molto importanti. Nonostante sia un fattore positivo, dall’altra ha un costo caro da pagare: giovani come Kulusevski e Diallo vengono ceduti, permettendoci di migliorare non solo le strutture attuali, ma anche di rafforzare sotto tutti i punti di vista la squadra”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: