Balotelli e la “balotellata” volgare al GF Vip: il Codacons tuona contro Mediaset

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Mario Balotelli ha abituato tifosi e appassionati di calcio a sorprese clamorose, sia in campo che fuori. La sua carriera – per molti sprecata date le grandi qualità tecniche e il rendimento altalenante –  è stata caratterizzata da troppi comportamenti discutibili e poco professionali, che hanno fatto di lui un calciatore alquanto inaffidabile in termini di performance. Che super Mario fosse caratterialmente un “ribelle” era noto da tempo e le previsioni di coloro che scommettevano in una maturazione del ragazzo circa questo punto di vista fondamentale, sono state ulteriormente respinte dopo la frase volgare – e alquanto infelice – rivolta nei confronti di Dayane Mello durante l’ultima puntata del reality show Grande Fratello VIP. La modella brasiliana e il calciatore italiano hanno avuto un flirt in passato, e le parole sessiste di Balotelli nei confronti della Mello hanno disgustato in tanti, a partire dal Codacons che ha addirittura chiesto la chiusura anticipata della trasmissione.

Leggi anche:  Criscitiello, che attacco a Pirlo: "Juve senza gioco e cattiveria. Squadra piccola contro le neo promosse"

Il duro comunicato del Codacons

Secondo il Codacons è stato superato il limite e proprio per questo è stato presentato un esposto all’Agcom affinché sia elevata una sanzione nei confronti di Mediaset, invitata a chiudere il programma immediatamente. Ecco le parole di Carlo Rienzi, presidente Codacons, in merito alla questione Balotelli-Mello:

“Stavolta è stato superato ogni limite e non bastano certo le scuse del giocatore per cancellare quanto avvenuto. Trasmissioni come il Gf Vip non sono solo estremamente diseducative, ma anche potenzialmente pericolose perché lanciano messaggi sbagliati ai giovani e li inducono a comportamenti sbagliati. Non c’è da meravigliarsi se in Italia crescono gli episodi di bullismo e violenza, specie contro le donne, considerato che la tv generalista diffonde sempre più spesso messaggi violenti, sessisti e volgari”.

  •   
  •  
  •  
  •