Classifica post lockdown, dopo il Coronavirus comanda il Milan: giù la Juve, malissimo il Toro

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


CLASSIFICA POST LOCKDOWN, IBRAHIMOVIC SENZA LIMITI: MA ANCHE ATALANTA E NAPOLI VANNO FORTE – I campionati durano settembre a maggio, Covid permettendo, e le classifiche che contano sono quelle che si leggono alla fine della stagione e che concedono a una sola squadra di cucirsi lo Scudetto tricolore sul petto. Ma il Coronavirus sembra aver un po’ scombussolato i piani, visto che dalla ripresa del campionato scorso a giugno fino ad oggi è possibile stilare una classifica che descrive bene il momento che stanno attraversando i nostri club. Dalle sfide post Covid, infatti, non c’è la Juve in vetta, bensì il Milan, e le squadre che finirebbero in Serie B sono Torino, Verona e Bologna: insomma, il virus ha decisamente stravolto gli equilibri.

Classifica post lockdown, che Milan con Ibra! Pirlo prova a risollevare la Juve

Nelle 16 partite giocate dopo il lockdown, la squadra ad aver dominato la scena è certamente il Milan: ben 42 punti fatti su 48 disponibili, e 4 vittorie su 4 in questa Serie A. Bene, poi, Atalanta, Napoli e Inter, oltre alla Roma che stupisce (terzo posto virtuale a 33 punti per i giallorossi). Super Sassuolo, addirittura 4 punti sopra la Juve: i bianconeri, che pagano nel computo totale di questo periodo il fatto di aver rallentato la corsa una volta ottenuta la pressoché matematica certezza della vittoria dello Scudetto nello scorso campionato, sono fermi a soli 25 punti ottenuti, due più della Fiorentina e tre rispetto alla Sampdoria. Male la Lazio, bene il Genoa, disastrose Verona, Parma, Bologna e soprattutto il Torino (ultimo a 12 punti in questo parziale).

Leggi anche:  Probabili formazioni Spezia-Lazio: torna Luiz Felipe, per Correa possibile riposo

CLASSIFICA POST LOCKDOWN
Milan 42
Atalanta 36
Roma 33
Napoli 32
Inter 32
Sassuolo 29
Juventus 25
Fiorentina 23
Sampdoria 22
Lazio 20
Udinese 20
Genoa 17
Cagliari 17
Parma 16
Bologna 16
Verona 15
Torino 12

Da segnalare, per completezza, che Juventus, Napoli, Verona e Torino hanno disputato in questo periodo una partita in meno degli altri, e il Genoa ne ha giocate due in meno rispetto a tutti.

  •   
  •  
  •  
  •