Ferlaino su Juve Napoli: “Con me e Boniperti presidenti questa partita si sarebbe giocata”. Poi l’attacco ad Agnelli

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


FERLAINO SU JUVE NAPOLI, PAROLE CHIARE ED ATTACCO AD AGNELLI – Il caso Juve-Napoli sta scuotendo il calcio, ed ancora non è stato emesso un responso in merito alla questione da parte del giudice sportivo. La sentenza finale è stata rimandata e dovrebbe essere emessa mercoledì, anche se di fatto l’esito del giudizio sembra essere abbastanza scontato: si va verso il rinvio della partita, che verrà dunque giocata (probabilmente a gennaio, visto il calendario fittissimo). Molti personaggi dello sport e non solo si sono espressi riguardo alla questione, ed anche lo storico presidente del Napoli Corrado Ferlaino ha voluto dire la sua ai microfoni de “La Domenica Sportiva: ecco le sue parole.

Ferlaino su Juve Napoli: “Agnelli non avrebbe dovuto rilasciare quell’intervista”

L’ex numero 1 azzurro è stato molto chiaro e deciso, in merito alla questione. In particolare, ha voluto sottolineare i problemi del calcio attuale, a causa del dannato virus che ci sta strappando la normalità di vivere serenamente lo sport più bello del mondo. Ecco come si è pronunciato ai microfoni del programma Rai:  “Il calcio ha dei problemi grandissimi, speriamo che si riesca a finire il campionato perché altrimenti non ci sarebbero più i soldi degli sponsor e delle tv“. Quindi, un plauso a Gravina ed al protocollo realizzato dai vari organi istituzionali: “Gravina è un grande personaggio, io spero che la sua preparazione riesca a far superare questa crisi del calcio italiano. Il protocollo è perfetto, ma c’è questa frase che permette ‘intervento statale e regionale. In Italia ci sono 31 Asl, quindi alla fine ognuno fa quello che vuole“. Infine, ecco la parte più clamorosa delle sue parole, con l’attacco ad Agnelli ed una critica agli attuali presidenti, con un “auto elogio”: “Chi ha sbagliato in Juve-Napoli? Forse tutti o nessuno, Agnelli ha sbagliato a fare quell’intervista, i suoi illustri avi non avrebbero mai fatto quell’intervista. Con Ferlaino e Boniperti presidenti sicuramente quella partita si sarebbe giocata“. Quelli di Ferlaino e Boniperti erano altri tempi: ma, in ogni caso, speriamo che questi tempi, quelli del Covid e delle crisi, finiscano presto e non tornino mai più.

  •   
  •  
  •  
  •