Juve Napoli, Foschi: “non deve essere decisa a tavolino”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Non si placano le polemiche intorno a Juve Napoli. Dopo la decisione da parte dell’Asl di Napoli di bloccare la squadra azzurra, il giudice sportivo ha deciso di assegnare la vittoria a tavolino per la Juventus, più un punto di penalizzazione alla squadra di De Laurentiis. In molti sui social si sono scatenati a seguito della decisione, mentre il Napoli di Gattuso ha l’opportunità di provare due ricorsi per riuscire a ribaltare la sentenza e riuscire a giocare la partita che è molto sentita in quel di Napoli.

Su Juve Napoli si è espresso Rino Foschi, ex direttore sportivo del Palermo, Genoa e Torino. L’ex direttore sportivo è intervenuto ai microfoni della trasmissione radiofonica “Il sogno nel cuore“, in onda su Radio CRC: “Juve Napoli? Anche io inizialmente mi appellavo al protocollo – ha spiegato Foschi -, ma leggendo le motivazioni del giudice sportivo, mi sono reso conto che era difficile disubbidire all’Asl. Spero che prevalga il buonsenso e che Juve Napoli si giochi sul campo. E’ un big match, il suo esito non deve essere deciso a tavolino“.

Leggi anche:  Criscitiello, che attacco a Pirlo: "Juve senza gioco e cattiveria. Squadra piccola contro le neo promosse"

Foschi nella trasmissione radiofonica ha poi parlato della condizione fisica del Napoli, elogiando il lavoro del tecnico Gattuso: “Sto seguendo le partite del Napoli con grande interesse. Gli azzurri possono lottare per vincere lo scudetto, la città meriterebbe una soddisfazione del genere. Per me il Napoli sta raccogliendo i frutti del lavoro di Gattuso, un allenatore che sta salendo alla ribalta grazie alle sue grandi qualità. La rosa del Napoli non è inferiore a nessun’altra in Serie A. Giuntoli, che conosco bene e ammiro, ha svolto un lavoro straordinario. Sapete tutti che lavorare a Napoli non è semplice. Per me il colpo di mercato più importante potrebbe essere Osimhen. Per ora sta facendo bene. Aspettiamo un altro po’ per i giudizi definitivi” conclude l’ex Ds.

  •   
  •  
  •  
  •