Conte Roma, clamoroso retroscena di Petrachi: “La Roma fu vicina a prenderlo. Ma non fu rassicurato”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


CONTE ROMA, L’EX TECNICO DELLA JUVE DOVEVA FINIRE IN GIALLOROSSO: POI PERÒ… – Antonio Conte è, ancora oggi, certamente uno dei migliori allenatore in circolazione. La sua avventura con l’Inter non è stata il massimo fino a questo momento, però c’è da dire, a sua discolpa, che ha preso in carico la squadra nerazzurra in una delle stagioni più assurde della storia del calcio, ed ancora oggi la Beneamata è continuamente falcidiata dai continui casi di Covid. Anche altre società sono state duramente colpite dall’epidemia, come sta accadendo ora alla Roma, ad esempio: sulla panchina giallorossa sarebbe potuto esserci proprio Antonio Conte, come rivelato da Petrachi in un’intervista al Corriere dello Sport. Ma non andò così, ed ora c’è Paulo Fonseca, che sta raccogliendo pure dei buoni risultati. Ma ecco il retroscena sul mancato matrimonio Conte Roma.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 9.a giornata: il programma di Sky e DAZN

Conte Roma, Petrachi al Corriere dello Sport: “Era vicino. Poi contattarono anche De Zerbi, Miha e il Gasp”

In una lunga intervista rilasciata alla testata romana, l’ex ds giallorosso Gianluca Petrachi ha affrontato vari temi, tra i quali la scelta di Fonseca. Prima di arrivare a contrattualizzare il tecnico portoghese dello Shakhtar Donetsk, la Roma fece diversi tentativi: “Alla Roma erano davvero convinti di chiudere con Conte. Veniva da un anno difficile, le beghe legali col Chelsea. Era voglioso di sfide nuove. Cosa è mancato? Non lo so, non ero ancora alla Roma. Posso immaginare che Antonio non si sia sentito abbastanza rassicurato. Forse, se avesse parlato con Pallotta le cose sarebbero andate diversamente“. Dunque, Antonio Conte è stato davvero ad un passo dalla panchina della Roma, la cui dirigenza aveva davvero convinto il pugliese ad abbracciare il progetto di Pallotta. Ora, Pallotta non c’è più, e Conte non è mai arrivato: al suo posto c’è Fonseca, ma prima di scegliere il portoghese furono vagliate varie ipotesi: “Saltato Conte, ho saputo successivamente che hanno parlato con Gasperini, Sinisa Mihajlovic e De Zerbi“. Il Gasp non si mosse da Bergamo, dove ancora oggi fa le fortune dell’Atalanta; Miha è saldo al comando del Bologna, mentre De Zerbi sta creando qualcosa di splendido alla guida del Sassuolo: ma la Roma non vive di rimpianti, Fonseca sta facendo bene e la sua gestione può tendere a migliorare ancora.

  •   
  •  
  •  
  •