Immobile peggior attaccante della storia della Nazionale: lo dice una statistica

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


IMMOBILE PEGGIOR ATTACCANTE DELLA STORIA DELLA NAZIONALE ITALIANA – Ciro Immobile, la Scarpa d’Oro del 2019/2020, il bomber che ha sfidato e battuto Lewandowski nella corsa all’ambito premio, è sempre più un caso in Nazionale. Con gli Azzurri, infatti, l’idolo della Lazio non riesce mai a dare il meglio di sé e, probabilmente, avrebbe davvero bisogno di sbloccarsi per chiudere le polemiche e aggiustare il suo rapporto con la maglia a noi tanto cara. Con l’azzurro laziale addosso, infatti, Immobile è sempre al top da diversi anni, segna a non finire e l’anno scorso ha realizzato il record di gol in un solo campionato di Serie A: ma con l’Italia, i record sono solo negativi. Ecco la statistica che lo inchioda.

Immobile peggior attaccante della storia della Nazionale: e ora spopola il “Mancini, mitt’ a Caputo”

Belotti ha ritrovato il gol dopo un anno con l’Italia, ma non è abituato a giocare ad alti livelli: quindi è naturale che Immobile parta favorito nelle gerarchie, soprattutto dopo la stagione mostruosa appena conclusa. Aveva fatto ben sperare il suo rendimento azzurro tra settembre e novembre 2019, con 3 reti in altrettante partite giocate tra Grecia, Finlandia e Armenia. Poi, però, il blocco: e c’è una statistica che dice molto. Tra gli attaccanti azzurri nella storia con almeno 40 presenze, è il peggiore di tutti per rapporto tra gol e minuti giocati: uno ogni 278 minuti giocati, ovvero circa un gol ogni tre partite. L’unico peggiore di lui sarebbe Iaquinta (un gol ogni 349 minuti), ma c’è da dire che l’ex attaccante di Cesena, Juventus e Udinese giocava spesso da ala e, in questa classifica, sono presi in considerazione solo i bomber veri, i nove puri. E dunque, ecco che spunta sui social e nei bar l’espressione rivolta a Mancini “Mitt’ a Caputo“: l’incredibile rendimento dell’attaccante del Sassuolo sta facendo innamorare tutti i tifosi italiani, che vedono in lui l’erede di Schillaci. Quello che è certo, però, è che Immobile sembra tutto tranne che l’erede dei vari Vieri, Toni e Inzaghi, almeno per quanto riguarda la Nazionale. Che infatti, nonostante giochi bene e diverta, segna davvero pochissimo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Benevento-Juventus, streaming e diretta tv Serie A