Cosa rischia la Juventus per il caso Suarez: dalla semplice ammenda alla retrocessione

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


CASO SUAREZ, COSA RISCHIA LA JUVENTUS: PARATICI DOVRA’ FAR CHIAREZZA SUI FATTI – Si è riaperto, all’improvviso, il fascicolo relativo al caso Suarez. Ricapitoliamo: la Juventus stava provando a portare a Torino l’attaccante uruguagio del Barcellona, ma aveva concluso gli slot da extracomunitario disponibili per quella sessione di mercato (già usati i due posti: Arthur e McKennie). Si cercò dunque di far ottenere il passaporto italiano al calciatore della Celeste, con mezzi (forse, più o meno) leciti. Fu attivata l’Università per Stranieri di Perugia, che si occupò delle pratiche e del diploma: a destar sospetti fu, però, la celerità con la quale si concluse l’esame del centravanti, e per questo fu aperto un fascicolo. Dopo qualche mese di indagine ed alcune storture rilevate in seguito ad una serie di intercettazioni, ieri è esplosa la bomba: Fabio Paratici, Chief Footbal Officer della Juventus, è iscritto all’elenco degli indagati. Già, ma cosa rischia la Juventus? Ecco le possibilità.

Leggi anche:  La bomba di Pedullà: "Gattuso ad un passo dalla Juventus, poi però..."

Cosa rischia la Juventus: Paratici potrebbe essersi accordato con l’Università di Perugia, ora rischia grosso

Questo il testo presente nel fascicolo delle indagini condotte da Raffaele Cantone: “Gli accertamenti investigativi hanno consentito di comprendere come, nei primi giorni del mese di settembre del 2020, la dirigenza del club torinese si fosse attivata, anche ai massimi livelli istituzionali, per “accelerare” il riconoscimento della cittadinanza italiana nei confronti di Suarez, facendo, quindi, ipotizzare nuove ipotesi di reato a carico di soggetti diversi dagli appartenenti all’università, tuttora in corso di approfondimento. Condividendo le ipotesi accusatorie, il Giudice per le indagini preliminari ha disposto le misure cautelari avendo rilevato «il concreto ed attuale rischio che gli indagati, se non sottoposti ad idonea cautela, ripropongano condotte delittuose analoghe a quelle per le quali si procede, avendo mostrato di considerare l’istituzione di cui fanno parte e che rappresentano alla stregua di una res privata gestibile a proprio piacimento“. Ergo: la società bianconera potrebbe essere coinvolta. Ma concretamente cosa rischia la Juventus? Innanzitutto, ci devono essere le indagini più accurate ed i processi: in ogni caso, il “range” delle sanzioni va da un’ammenda, anche molto salata, all’inibizione dei tesserati coinvolti (Paratici o chi per esso), fino al blocco del mercato, alla penalizzazione ed addirittura alla retrocessione in cadetteria. C’è da dire, in realtà, che Suarez alla Juventus non ci è mai arrivato: questo depone a favore del club torinese, ma potrebbe non bastare. Dopo anni dove la difesa bianconera è stata la celebre BBBC, ora ci vorrà un bel pool di legali per difendere la società dalle accuse ed uscirne indenne.

  •   
  •  
  •  
  •