Gasperini pre Atalanta-Fiorentina: “Testa al campionato. Su Paolo Rossi…”

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


Dopo il passaggio del turno in Champions League, per l’Atalanta è arrivato il momento di concentrarsi sul campionato. I nerazzurri ospiteranno al Gewiss Stadium di Bergamo la Fiorentina allenata da Cesare Prandelli (ex giocatore e allenatore della Dea): una squadra in piena crisi che ha bisogno della vittoria per allontanarsi dalla zona retrocessione. Non sarà una passeggiata per Gomez e compagni, ma la vittoria in quel di Amsterdam contro l’Ajax ha risollevato pienamente il morale: serve un vero e proprio riscatto in campionato, rialzare non solo la china, ma anche la classifica. Attraverso i microfoni di TMW, ecco le parole del mister della Dea Gian Piero Gasperini.

Le dichiarazioni di Gasperini pre Atalanta-Fiorentina

“La Champions toglie tante energie. La qualificazione era un traguardo immediato, per quello c’è stata un’attenzione maggiore, ma abbiamo sempre cercato di dare il meglio. Ora testa al campionato fino a fine stagione. Paolo Rossi? È una parte della nostra gioventù che se ne è andata. Io personalmente ho conosciuto Rossi a 12 anni, in un torneo a Firenze. Ogni partita ti aiuta a crescere e migliorare, ma l’approccio può essere diverso in base alla partita che si gioca. Domani cercheremo di giocare contro la Fiorentina al meglio. Nelle ultime sei partite abbiamo fatto cinque punti, è una media da retrocessione. Ci sono state delle difficoltà in fase realizzativa, prima compensavamo con qualche gol in più. Il calcio si evolve sempre, anche in base alle caratteristiche in quel momento dei giocatori. Infortuni? Pasalic non sta bene, anche se è rientrato oggi. Miranchuk non è ancora disponibile. Ilicic non si è allenato perché aveva mal di gola, per domani non ci sarà. Caldara si sta riprendendo abbastanza bene, ci vorranno altri venti giorni. Ruggeri ha qualche fastidio, difficile convocarlo”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia
Tags: