Gasperini pre Udinese-Atalanta: “Non sono preoccupato. Gomez? Sul Papu dico…

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Manca solo un giorno alla partita Udinese-Atalanta, e i nerazzurri hanno bisogno di ritornare alla vittoria (che manca dal successo esterno con il Crotone in campionato) per fare un passo importante in classifica. La situazione non è delle migliori dove il nervosismo ha preso il posto della lucidità, e conquistare i tre punti al Dacha Arena può dare un grande contributo, anche perché la sfida di Amsterdam contro l’Ajax in Champions League è dietro l’angolo. Oggi, al Centro Bortolotti di Zingonia, ha parlato il mister dell’Atalanta Gian Piero Gasperini. Ecco le parole riportate attraverso TMW in vista del match di domani pomeriggio.

Le parole di Gasperini pre Udinese-Atalanta 

“La soluzione al problema è già sottobanco. È diventato difficile giocare per noi con tre giocatori fuori dalla difesa, stiamo adottando una soluzione che ci possa proteggere a centrocampo. Le occasioni ci sono state in tutte le partite. Ilicic e Gomez? Credo che Papu abbia giocato 190 partite nelle mie 200 a Bergamo. Sono convinto che continuerà a fare all’Atalanta ciò che ha fatto, continuando la sua carriera qui. Io faccio l’allenatore, la squadra deve avere la consapevolezza che deve essere tutelata. Gomez per me è sempre stato straordinario, soprattutto negli ultimi anni. È stato un giocatore incredibile, ha giocato ovunque, è una forza notevole per l’Atalanta. Poi ci sono dei momenti, come è successo l’altra sera. Sulla partita di domani, credo che gli farà bene riposare bene. Dovrà essere pronto per Amsterdam. Ilicic? Devo trovare il miglior Ilicic. Ho lavorato molto per farlo ritornare a pieno regime, ma deve darmi dei segnali. Daremo la possibilità anche agli altri. Faccio delle scelte a favore della squadra. Tolto lo scorso anno questa squadra ha fatto più punti. Abbiamo giocato una Champions anomala, io non sono così preoccupato. Le partite sono difficili e complicate, ma i ragazzi sono stati straordinari. Viviamo in un momento in cui non c’è il pubblico, non sappiamo qual è l’opinione della gente. Manca la spinta purtroppo”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Gomez-Siviglia, il saluto dell'Atalanta: "Sei anni emozionanti. Grazie Papu"