L’ex arbitro Marelli spiega perchè Bonucci non era da espellere per offese

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui


Stranamente alla maggior parte dei match tra Inter-Juventus, quello di ieri sera non è stato condito da polemiche arbitrali, un pò per la superiorità netta dei nerazzurri, un pò per l’ottimo comportamento dei protagonisti in campo. L’unica discussione c’è stata per un possibile cartellino rosso al difensore bianconero Bonucci, che dopo aver commesso un fallo con il conseguente cartellino giallo, avrebbe detto una parola di troppo all’arbitro Daniele Doveri. L’ex fischietto arbitrale Luca Marelli ora opinionista, dopo aver fatto i complimenti all’arbitro, “E’ stata un prestazione di grandissima qualità, ma come al solito è stata creata dai soliti noti la polemica su un labiale. Un labiale che è stato strumentalmente riportato in maniera distorta“, ha dato il suo parere sull’eventuale espulsione e l’ha fatto sul suo canale You Tube dove ogni settimana commenta la moviola della Serie A.

Leggi anche:  Serie A, Juventus-Lazio 3-1: Andrea Pirlo pronto per il Porto

Marelli, la spiegazione su Bonucci

Al 36′ c’è stato questo fallo evidente di Bonucci che è stato ammonito perchè era una ripartenza veloce dell’Inter con possibilità favorevoli. Bonucci si è lamentato un po’ troppo, è un suo grande difetto, in questi casi bisogna tacere. Da qui a pensare che meritasse il rosso però ce ne passa. Bisogna ricordar quello che è successo, non quello che fa comodo. Si è diffusa questa polemica sui social per aver detto “Doveri sei vergognoso” ma chi dice questo vi sta prendendo per il cu.. Ha detto è vergognoso questo giallo, se avesse detto Doveri sei vergognoso sarebbe stato espulso. Ha detto una frase antipatica e Doversi è comportato bene, cazziandolo dopo averlo ammonito. Dopo quell’episodio Bonucci non ha aperto più bocca.  “Doveri è sempre stato presente fisicamente e verbalmente e l’opera preventiva ha fatto sì che la gara andasse liscia anche grazie al fair play in campo. Si vede che non sapete cosa succede davvero in campo se cavalcate certe polemiche“.

Leggi anche:  Il breve ciclo di Conte all'Atalanta: dalla fiducia iniziale alla litigata con Doni (fino alle dimissioni)

  •   
  •  
  •  
  •