Romero, un crac azzeccato in casa Atalanta. Difesa rivitalizzata

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Quello che sta facendo “Cuti” Romero alla sua prima stagione con l’Atalanta tra campionato e Champions League è semplicemente qualcosa di veramente impressionante. Un giocatore che nel giro di poco tempo è riuscito non solo a prendere il posto da titolare, ma anche a rivitalizzare completamente l’intero reparto difensivo nerazzurro. Ovviamente la Dea ha costruito le sue classifiche principalmente grazie alle sue bocche da fuoco offensive (da Zapata a Muriel fino ad arrivare a Ilicic e Pessina), ma per conquistare obiettivi sempre più prestigiosi, fare goal non basta: occorre avere una difesa tanto solida quanto decisiva ai fini del risultato finale, e quella orobica si dimostrava molto altalenante. Serviva una pedina in grado di offrire la stabilità che Gasperini cercava. Con Romero obiettivo praticamente raggiunto, e non ci è voluta la partita con il Milan per dimostrarlo: dove il numero 17 atalantino ha praticamente annullato un certo Ibrahimovic andando addirittura al goal.

Leggi anche:  Juventus: rinnovo Dybala più vicino, ecco le cifre

Il modo in cui Romero ha cambiato completamente il volto della retroguardia nerazzurro, lo hanno reso uno dei più grandi crac fatti dall’Atalanta negli ultimi cinque anni. Dalla Juventus è arrivato in quel di Bergamo in prestito oneroso con diritto di riscatto a 16 milioni: operazione che 99 su 100 verrà effettuata con molto piacere.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: