Serie A, il Milan non è ancora campione d’inverno ed ultima chance Inter. Ecco il perché

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui


In questa stagione stiamo vivendo un campionato di Serie A combattuto, con tante squadre raggruppate in pochissimi punti. Però, a contendersi il titolo di Campione d’Inverno sono le due formazioni milanesi: Inter e Milan. Le due squadre sono entrambe in lotta per vincere il titolo dopo diversi anni e si giocano tutti negli ultimi novanta minuti del girone di andata. Ecco di seguito i dettagli e tutti i casi per conquistare il titolo.

Serie A – Campione d’inverno

Come di solito negli ultimi anni, visto il grande equilibrio del campionato, il titolo di campione d’inverno si deciderà alla diciannovesima giornata. A contenderselo in questo campionato ci sono Milan ed Inter, rispettivamente a 43 e 40 punti. I più vicini a conquistarlo sono i rossoneri a cui basta un solo punto, ma la formazione allenata da Antonio Conte ha ancora un’ultima chance. Cosa succederà in caso di parità di punti? Se entrambe le formazioni si troveranno in testa alla classifica alla fine della diciannovesima giornata, ad essere realmente prima è la squadra con la miglior differenza reti. Al momento l’Inter si trova avanti con +22, mentre il Milan è appena dietro a +20. Grazie a questo dato, la formazione nerazzurra ha ancora un’ultima chance per conquistare il titolo. Questa situazione però è da considerare in caso di arrivo a pari punti nel girone di andata, mentre in caso di parità alla trentottesima giornata saranno gli scontri diretti ad avere la meglio. Ecco di seguito tutte le combinazioni possibili per la vittoria del titolo delle due formazioni.

  • MILAN CAMPIONE D’INVERNO :
  1. Pareggia con l’Atalanta;
  2. Vince con l’Atalanta;
  3. Perde con l’Atalanta e l’Inter non batte l’Udinese
  • INTER CAMPIONE D’INVERNO:
  1. Conquista i tre punti con l’Udinese e il Milan perde con l’Atalanta
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Adani elogia Mancini: "Ha salvato il calcio italiano. Felice per il ritorno di Sarri e Spalletti"