Prandelli risponde riguardo alla presunta lite con Amrabat: ecco le sue parole in conferenza pre-Milan

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

prandelli amrabat
PRANDELLI AMRABAT, ALTA TENSIONE? IL TECNICO SMENTISCE LE VOCI – Non è una stagione positiva per la Fiorentina, questo è evidente. La vittoria col Benevento per 1-4, con Vlahovic sugli scudi con una tripletta, ha di fatto sancito l’uscita della Viola dalla lotta per la salvezza, ma gli obiettivi di inizio stagione erano certamente ben altri. Se non all’Europa, certamente la società di Commisso ambiva a qualcosa di più di un campionato di bassa classifica: ora, proprio quando la situazione sembrava normalizzarsi, sono spuntate voci riguardo ad una presunta lite tra l’allenatore Cesare Prandelli e il centrocampista marocchino ex Verona Sofyan Amrabat. In conferenza, però, il tecnico ha voluto gettare acqua sul fuoco: ecco la sua risposta che ha, di fatto, chiuso la questione.

Leggi anche:  Ibrahimović da Fabio Fazio: "Voglio giocare nel Milan a vita"

Prandelli Amrabat, le parole del tecnico: “Voci circolate non sono vere”

Secondo quanto riportato dal Corriere Fiorentino, dopo il match contro lo Spezia si sarebbe verificato un duro scontro tra Cesare Prandelli e Sofyan Amrabat. Il centrocampista, infatti, era stato escluso dai titolari nel match successivo contro l’Udinese e, probabilmente, non partirà dal 1′ neppure contro il Milan. Secondo le indiscrezioni, poi, sarebbe stato addirittura Joe Barone a sedare la lite tra i due: insomma, sarebbe stato davvero uno scontro piuttosto pesante tra i due.
In conferenza stampa prima del match col Milan, oggi, Prandelli ha però spento sul nascere la questione. Ecco cosa ha detto: “Le voci circolate non sono vere. Nessun giocatore si deve permettere di contestare le decisioni dell’allenatore. Sono cose che non fanno bene all’immagine della Fiorentina“. La questione è stata già messa a tacere, quindi: per il bene della Viola, è importante che regni la serenità all’interno dell’ambiente e dello spogliatoio. Con la speranza, l’anno prossimo, di crescere a livello di risultati, di punti e di mentalità: serve una svolta, e di certo non sono episodi del genere che possono contribuire a ciò.

  •   
  •  
  •  
  •