Crisi Juve, Gregucci: “Non arriva al quarto posto”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

Crisi Juve
Crisi Juve, Pirlo sempre più lontano dai bianconeri. In queste settimane si gioca la panchina e la qualificazione in Champions League.

Dopo la sconfitta in casa contro il Benevento, è tempo di riflessioni in quel di Torino. La dirigenza della Juventus in queste ultime ore sta decidendo se continuare con Pirlo anche alla prossima stagione. Nonostante in TV più volte Paratici abbia confermato l’attuale allenatore della prima squadra, sono molte le incognite sul suo futuro. Sono tanti i nomi per sostituirlo, tra cui quello di Max Allegri, allenatore della Vecchia Signora nel quinquennio d’oro 2014/2019.

CR7&Company sono chiamati a due mesi di fuoco per salvare la stagione e la faccia. Alla Juventus, con il campionato perso, resta solamente l’obiettivo Coppa Italia contro la squadra di Gasperini: l’Atalanta.

Leggi anche:  Juventus: rinnovo Dybala più vicino, ecco le cifre

Gregucci sulla crisi Juve

Il futuro di Andrea Pirlo sulla panchina della Juventus passa da due sfide cruciali: il derby della Mole contro il Torino e il recupero della sfida contro il Napoli. Due partite che indirizzano anche il futuro dei campioni d’Italia, ancora non certa della qualificazione alla prossima Champions. A tal proposito ai microfoni di Lazio Style Radio è intervenuto Angelo Gregucci. L’ex difensore di Lazio e Torino ha fatto una previsione negativa sul risultato dell’attuale campionato per la Juve: Non sono sicuro che la Juve possa arrivare tra le prime quattro, oggettivamente non si può ancora valutare il lavoro di Pirlo”.

L’ex tecnico della Salernitana ha inoltre commentato l’attuale campionato. L’attuale campionato risulta essere più competitivo rispetto agli altri anni. Questo ha permesso alle piccole di rosicchiare alle big, intensificando la lotta scudetto e per l’Europa. Un campionato emozionante come confermato dallo stesso Gregucci: “Quest’anno molte delle prime perdono punti con le squadre piccole, Inter e Milan non molleranno, ma poi c’è la lotta tra tutte le altre, (Lazio compresa), bellissima ed emozionante.

  •   
  •  
  •  
  •