Ziliani e Biasin su Twitter: “Pirlo, ieri Maestro e oggi inadeguato? Inadeguati i giornalisti, si facciano da parte”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

ziliani e biasin su pirlo
ZILIANI E BIASIN SU PIRLO E I COMMENTI GIORNALISTICI: “INADEGUATI” – Andrea Pirlo è messo sempre più in discussione, sia nel mondo Juve sia dagli esperti del mestiere. Il ritorno sulla scena di Max Allegri ha scatenato la stampa su un suo possibile rientro in bianconero, visti i risultati piuttosto deludenti del Maestro. All’inizio della sua avventura a Torino, però, i commenti giornalistici furono fin da subito entusiastici, creando una grande aspettativa e mettendo pressione al neo-tecnico: oggi, Paolo Ziliani e Fabrizio Biasin si sono schierati contro questa “schizofrenia” dei giornalisti, che ora non perdono occasione per definire Pirlo “inadeguato”. Ecco i loro tweet al veleno contro alcuni membri della loro categoria.

Le parole di Ziliani e Biasin su Pirlo e sulla schizofrenia giornalistica: “Certi giornalisti si facciano da parte”

Ecco cosa ha detto il giornalista del Fatto Quotidiano, da sempre anti-juventino, Paolo Ziliani: “Oggi tutti d’accordo su Pirlo al capolinea: ha lavorato male, giusto che si faccia (o lo mettano) da parte. Perfetto. Ma il principio vale per tutti i lavori? Per dirne uno: anche per i giornalisti che raccontano le cose alla gente? Chiedo per un amico che non si raccapezza“.

Con lui, qualche minuto dopo, si è schierato anche Fabrizio Biasin, interista ma mai troppo esplicitamente anti-Juve: nel mirino ancora una volta il poco equilibrio nei giudizi della stampa verso un allenatore inesperto e alle prime armi. Ecco cosa ha scritto Biasin su Twitter: “Però fa un po’ sorridere che tanti tra quelli che 6 mesi fa “Pirlo, ecco il calcio del Maestro” ora gli stiano scavando la fossa e “appare decisamente inadeguato”. Forse è inadeguato lui (forse), ma non è che da quest’altra parte ci sia tutta ‘sta adeguatezza

Effettivamente, leggendo alcuni titoli delle principali testate sportive nazionali a settembre-ottobre si può notare come, fin da subito, il tecnico bianconero fu etichettato come un “genio, innovatore, maestro della panchina“. Ha ancora tempo per diventarlo, non è certamente un incapace. Ma nei commenti è mancato, onestamente, un po’ di equilibrio. E Ziliani e Biasin hanno attaccato in maniera decisa tale atteggiamento.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Salernitana-Juventus 0-2: gol di Dybala, poi Morata