Juventus-Napoli, la vigilia social della “partita della discordia”: ecco cosa sta succedendo

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

twitter juve napoli
SI GIOCA ANCHE SU TWITTER JUVE NAPOLI: ECCO I CINGUETTII PIU’ SIGNIFICATIVI NELLA CALDA VIGILIA DEL MATCH – Juventus-Napoli non è mai stata e mai sarà una partita come le altre. Per fascino, per storia, per rivalità, il match tra bianconeri e partenopei ha sempre trascinato, faccio piangere, sorridere e sognare milioni di tifosi italiani. Ma stavolta, nell’era del Coronavirus, Juve-Napoli sta diventando il match della discordia, la sfida che fa infuriare tutti e non accontenta nessuno. Ecco cosa è successo finora e come si è arrivati a giocarla domani, 7 aprile.

Juventus-Napoli, la cronistoria di una partita infinita: cosa è successo finora

Domenica 4 ottobre 2020, a Torino si dovrebbe giocare Juve-Napoli. Anzi no: i due positivi nel Napoli, Elmas e Zielinski, inducono l’ASL di Napoli a bloccare la partenza degli azzurri, scavalcando di fatto il protocollo firmato dai club per garantire il regolare svolgimento della Serie A. Il giudice sportivo concede il 3-0 a tavolino alla Juventus, che però viene poi tolto: il match si giocherà. Nel frattempo, le due squadre si affrontano in Supercoppa, vinta 2-0 dalla Juve, e nel match di ritorno, il 13 febbraio 2021, quando gli azzurri vincono 1-0 al San Paolo. Non appena le due squadre escono dalla coppe europee, si decide la data del recupero: 17 marzo. E invece no: le due squadre, di comune accordo con la FIGC, decidono di spostare la partita al 7 aprile, data più “comoda” per entrambe.

Leggi anche:  Superlega, frecciatina di Agnelli alla Serie A: "Non cambia nulla"

Twitter Juve Napoli, le reazioni social dopo la positività al Covid di Bernardeschi

Domani, dunque, si dovrebbe ( a questo punto il condizionale è d’obbligo) giocare Juventus-Napoli. Se non fosse che il focolaio Covid scaturito in Nazionale ha già toccato Bonucci e Bernardeschi, risultati positivi, oltre a Demiral. In questo momento, dunque, la Juve ha tre calciatori positivi al coronavirus, uno in più di quelli che bastarono all’ASL per decidere di non far giocare il Napoli. Ecco allora le reazioni più divertenti e significative su Twitter:

  •   
  •  
  •  
  •