A tre lunghezze dalla qualificazione in Champions: Atalanta, sei padrona del tuo destino

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

Il massimo risultato con il minimo sforzo per portare a casa i tre punti. L’Atalanta batte il Benevento senza correre tanti pericoli, merito di una superiorità sotto tutti i punti di vista: dal gioco fino ad arrivare all’attacco tanto freddo quanto abbondante. Un 2-0 siglato prima da Luis Muriel (sfruttando un perfetto assist di Ruslan Malinovskyi che arriva in doppia cifra) e poi successivamente da un “Super Mario” Pasalic in crescita rispetto alle partite precedenti. Le dirette concorrenti hanno vinto i loro rispettivi incontri (Milan con il Toro, Juve con il Sassuolo e il Napoli con l’Udinese), ma il successo conquistato contro gli uomini di Filippo Inzaghi è un risultato molto importante, anche perché i nerazzurri di Gian Piero Gasperini sono distanti soltanto tre punti dalla matematica certezza di qualificarsi in Champions League per il terzo anno consecutivo.

Leggi anche:  Eriksen: "Sto bene, spero di tornare presto"

Ora più che mai serve essere concentrati al massimo per raggiungere entrambi gli obiettivi (Coppa Italia compresa), e l’Atalanta ha piena consapevolezza nei propri mezzi e di quello che può dare in campo. Un passo alla volta, un piede dietro l’altro, piedi per terra e testa bassa, oppure come dice Gasperini: “Con tre punti saremmo aritmeticamente in Champions. Dobbiamo guardare alle nostre forze. Siamo responsabili del nostro destino”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: