Lazio, per il dopo Inzaghi un ex Juventus?

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui

Per la Lazio è finita un’era: Simone Inzaghi va via. L’allenatore piacentino si accasa all’Inter dove ora gli spetterà l’arduo compito di sostituire Antonio Conte – per lui sempre più insistenti le voci che lo vorrebbero al Real Madrid. Inzaghi lascia i biancocelesti dopo la vittoria di due Supercoppe italiane e una Coppa Italia. E ora, per sostituirlo, Lotito pensa in grande: Maurizio Sarri.

Sarri, ritorno in serie A?

Dopo i rumors degli ultimi mesi che lo volevano prima vicino alla Roma – che ha poi virato su Mourinho – poi come possibile sostituto di Gattuso al Napoli e infine all’Inter, sembrerebbe che per Sarri l’idea Lazio possa concretizzarsi. Dopo aver lasciato la panchina della Juve all’esonerato Pirlo, Sarri si è preso un anno di riflessione ed ora vuole tornare ad allenare. E, dopo aver rifiutato la Fiorentina – che ha virato poi su Gattuso – Maurizio aspettava l’offerta di una società blasonata, ed è arrivata. Lotito fa sul serio e per la sua nuova Lazio vuole un allenatore capace di far dimenticare Inzaghi.

Leggi anche:  31 anni dopo Caniggia, Miranchuk tinge l'Euro 2020 di nerazzurro (e l'Atalanta sorride per il futuro)

Le alternative

In caso l’affare Sarri non dovesse andare in porto, il primo nome sarebbe quello di Mihajlovic. Sinisa conosce già l’ambiente Lazio e la capitale, avendosi giocato dal 1996 al 2004, collezionando ben 126 presenze e 20 reti. Mihajlovic che sembra avere un filo diretto con Inzaghi: l’Inter era interessata all’allenatore serbo come alternativa a Simone Inzaghi. E ora sembrerebbe poter rappresentare il futuro della Lazio. Altro nome caldo nelle ultime ore è quello di Vincenzo Italiano, attuale allenatore dello Spezia dei miracoli – voluto anche dal Sassuolo. Altri nomi porterebbero a Pirlo e Walter Mazzarri. Proprio Mazzarri potrebbe essere per Lotito un’alternativa low-cost e con la consolidata difesa a 3 di Inzaghi andrebbe a nozze. Sullo sfondo le suggestioni tutte lusitane Villas-Boas e Espirito Santo. Una certezza resta: Lotito era sicuro di aver convinto Inzaghi a rimanere e ora è alla ricerca di un suo sostituto.

  •   
  •  
  •  
  •