Sconcerti duro: “Il silenzio di Conte una prepotenza dell’Inter. Mica è un ragazzo, se dice…”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


Intervenuto nel corso di Stadio Aperto, trasmissione di TMW Radio condotta da Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini, l’opinionista calcistico Mario Sconcerti ha ribadito il proprio pensiero su alcune delle tematiche calcistiche attuali: il destino del Milan, la Juventus del futuro e il silenzio di Antonio Conte nelle ultime settimane.

In merito al silenzio di Antonio Conte nelle ultime settimane, Sconcerti ha affermato:  “Una prepotenza, visto che da contratto l’allenatore parla prima e dopo le partite. Ma soprattutto mi sembra un sintomo di inquietudine da parte sia di Conte che della società, non posso credere che Conte non vada in conferenza stampa perché ha paura che gli chiedano della situazione del club… Mica è un ragazzo. Se dice di riparlarne tra un mese, ad esempio, ha già chiuso il discorso. Siccome da fuori non sappiamo niente e prendiamo spunto dai suoi atteggiamenti, il fatto che si comporti così ci disorienta ancora di più. Comunque sarà problema di pochi giorni“.

Leggi anche:  Eriksen: "Sto bene, spero di tornare presto"

Sul futuro della Juventus, Sconcerti ha affermato: “Certamente c’è bisogno di un regista. Uno vero, sveglio o è inutile avere anche Bentancur e Rabiot. Poi dovranno recuperare Dybala e far sì che Chiesa e Kulusevski crescano. Alla fine Chiesa ha fatto il solito campionato da saliscendi, questo è un momento in cui si prende in mano la realtà. Chiesa di reti ne ha segnate 8, due meno dello scorso anno. Non basta, non va bene, non hai dimostrato niente, sei qualcosa di inespresso in una squadra che cercava te e Kulusevski, 4 gol. Questi però dovevano essere valore aggiunto, gli errori nell’impostazione derivano dalla fragilità e dalla discontinuità di Morata e dalla mancanza di un regista”.

In merito al Milan e alla mancata vittoria ottenuta contro il Cagliari, l’opinionista ha ribadito: “Il problema del Milan è che domenica è entrato sfinito mentalmente: aveva bisogno di fare facilmente qualcosa che in quel modo non sa fare“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: