Moggi: “La Juve non ha mai alterato i risultati, lo hanno fatto le altre squadre. L’Inter senza Conte…”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Luciano Moggi, intervistato in esclusiva nel programma “I Tirapietre“, condotto da Luca Cirillo e Donato Martucci sulle frequenze di Radio Amore Campania, ha rilasciato alcune considerazioni sui temi calcistici attuali e non solo.

Ecco quanto affermato da Luciano Moggi, riportato anche su TuttoJuve, nell’intervista a Radio Amore Campania: “Nazionali? Penso che l’Italia sia la favorita, questa nostra Nazionale se trova un difensore forte, visto che Chiellini ha la carta d’identità scaduta, può fare bene. Ha un centrocampo meraviglioso e un attacco forte. Anche Bonucci va oltre i 33 anni, i limiti sono in difesa. Questa squadra può ottenere risultati. Prossimo campionato? Il fatto che non ci sia più Conte all’Inter può essere un vantaggio per la Juventus. I bianconeri, comunque, devono mettere a posto il centrocampo: basterebbe guardare ciò che sta facendo Mancini in Nazionale, ha unito senso tattico e qualità dei piedi di Insigne e Jorginho con Barella e Locatelli. Futuro di Lorenzo Insigne? Penso proprio che resti in azzurro, sarà sicuramente un punto di forza della squadra azzurra, ne sono certo. Gli allenatori che sono arrivati a Napoli hanno preso tutto il buono che aveva costruito Benitez, ricostruire non è affatto facile. Vaccino? Devo dire che ho fatto sia il primo che il secondo, mi pongo in maniera diversa da Gianni Rivera. Evidentemente Rivera non la pensa come me ed è liberissimo di farlo. Il vaccino per la rinascita del calcio italiano? Dire ai signori di Report di evitare di fare queste inchieste, inutile fare a lupo a lupo e poi non far nulla. Hanno affossato chi faceva gli interessi del calcio nazionale ed ha vinto un Campionato del Mondo con la propria squadra. La Juventus, per esempio, non ha mai alterato i risultati, lo hanno fatto le altre squadre…“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Tabellone calciomercato estivo Serie A 2021 LIVE: tutti gli acquisti e le cessioni delle venti squadre