Roma: centrocampista o attaccante, Zaniolo che ruolo ha secondo voi?

Pubblicato il autore: Andrea Milano


Nicolò Zaniolo, uno dei migliori talenti del calcio italiano si deve ritrovare, calcisticamente parlando. Tornato in condizione fisica accettabile dopo il terribile doppio infortunio, adesso deve tornare a fare la differenza in campo, come eravamo abituati a conoscerlo. Ma non è semplice, per questo ragazzo di 22 anni, giocare ogni partita con la pressione addosso e soprattutto l’ansia da prestazione perenne. Vorrebbe dimostrare di essere tornato il giocatore pre-infortuni e ce la sta mettendo tutta, ma il campo effettivamente dice altre cose. Il giocatore si impegna tantissimo in allenamento e in partita è sempre voglioso, ma non arriva quasi mai alla sufficienza. Per questo motivo anche un allenatore come Mourinho, suo estimatore, nelle ultime partite ha preferito farne a meno, relegandolo in panchina anche nel derby appena passato. Anche domani sembra indirizzato verso la non titolarità, che sta diventando un’abitudine. Ma siamo sicuri che le sue prestazioni non dipendano anche dal ruolo in campo?

Leggi anche:  Calciomercato Torino: individuato il trequartista, ecco il prezzo

Zaniolo sembrerebbe più centrocampista che attaccante

In realtà Zaniolo nasce come centrocampista puro, ruolo poi modificato in esterno di attacco e in questa stagione anche da attaccante vicino a una prima punta. Di sicuro prima degli infortuni stava esprimendo il meglio come esterno di attacco, anche se lo stesso Zaniolo non ha mai fatto mistero di prediligere un ruolo più arretrato. Mourinho nella Roma lo vede anche come seconda punta, che però non è un ruolo che effettivamente gli calza a pennello. Aggiungerei una cosa scontata ma non banale: quando uno è forte può giocare dove vuole, farà sempre la differenza. Ovviamente ci sono momenti e momenti e questo non è un buon momento per Zaniolo, ma ci possono essere delle attenuanti importanti. Ad esempio proprio i recuperi fisici e mentali dopo gli infortuni, come dichiara a Radio Radio anche Roberto Pruzzo che dice: “Zaniolo viene da due infortuni pesanti, ma è ampiamente recuperabile, c’è tanto spazio per farlo, ma non dimentichiamoli perchè pesano come un macigno per il ragazzo”. Sempre a Radio Radio, sul tema Zaniolo altri due pareri autorevoli come quello di Nando Orsi e Sandro Sabatini. Orsi è un più duro e dice: “Zaniolo si deve sbrigare, non c’entra nulla il ruolo. Del Piero ci ha messo un anno a recuperare, con un solo crociato”. Infine Sabatini: “Se ripenso a Zaniolo prima degli infortuni aveva qualcosa di più simile a Chiesa, ora è muscolarmente più costruito e ha bisogno di galoppare, lo arretrerei un pò. Le scelte che stanno facendo sono per il suo bene, comprese quelle di Mourinho. E’ reduce da due operazioni, è normale aspettarsi un campionato così”. Pensiero al quale mi avvicino quello di Sabatini. E voi come la pensate, meglio centrocampista o attaccante? Forza Nicolò Zaniolo, il calcio italiano e Roberto Mancini ti aspettano.

  •   
  •  
  •  
  •