Dazn, caro abbonamenti per la prossima stagione

Pubblicato il autore: GIannelli

Doccia fredda Dazn: l’emittente che detiene i diritti per la trasmissione integrale del campionato di Serie A, ha notificato oggi a tutti i propri clienti un caro abbonamenti in vista della prossima stagione sportiva.

Le sottoscrizioni, che l’anno scorso hanno previsto un esborso di 19,99 al mese, rischia ora di raddoppiare il proprio valore. Per ovviare al problema del doppio dispositivo (persone che usufruivano del servizio pagando un solo abbonamento), Dazn ha disposto che la visione in contemporanea sarà vincolata a un costo mensile di 39,90 euro. Si chiama Dazn Premium, e permetterà agli utenti di fruire dell’account Dazn, in contemporanea, su dispositivi registrati su due Ip diversi, ma a prezzi maggiorati, per l’appunto.

Altrimenti, ci sarà la possibilità di sottoscrivere un abbonamento da 29,90 euro, che permetterà la visione simultanea su più dispositivi (per un limite di sei), a patto che siano tutti registrati sullo stesso Ip, e che quindi gli utenti vivano nella stessa casa.

Leggi anche:  Zaccagni, la Lazio vuole blindarlo: pronta un'offerta di rinnovo

Dazn, proteste social per il caro abbonamenti

La scelta di aumentare i prezzi ha scatenato l’ira degli appassionati nei confronti di Dazn. Specie attraverso il social media Twitter, diversi abbonati hanno espresso il proprio disappunto, annunciando, contestualmente, la disdetta dell’abbonamento sottoscritto con la piattaforma streaming.

Volevo informare Dazn che ho appena disdetto“, scrive Antonio, in uno dei tanti commenti inviperiti all’indirizzo della nuova policy aziendale.

Lucida l’analisi del giornalista Riccardo Cucchi, che auspica per il futuro un mercato maggiormente concorrenziale, per ciò che riguarda la distribuzione dei diritti del campionato: “Credo sia giunto il momento di porre fine all’esclusiva sui diritti del campionato. Il calcio deve essere fruibile su più piattaforme. Sarà l’utente a scegliere quale vedere. In caso contrario, l’appassionato sarà solo vittima di imposizioni tariffarie.

  •   
  •  
  •  
  •