Dall’Inghilterra – Lukaku, il futuro è nerazzurro: Inter e Chelsea hanno già l’accordo

Pubblicato il autore: Christian La Pira


Il nuovo matrimonio tra l’Inter e Lukaku è stato appena celebrato, ma già si pensa al futuro e a come poter restare insieme più tempo possibile: l’acquisto del Belga non deve essere una situazione temporanea e di passaggio, ma i nerazzurri vogliono che diventi una scelta definitiva da parte di tutti i protagonisti.

In Inghilterra sicuri: Lukaku all’Inter non solo un anno

Marotta, Ausilio e Baccin, infatti, stanno già riflettendo su come poter godere delle prestazioni del gigante Belga anche oltre questa singola stagione, in cui Lukaku indosserà la maglia nerazzurra secondo l’accordo di prestito annuale con il Chelsea: in queste ore i giornali inglesi danno per certa la permanenza all’Inter dell’attaccante anche nella stagione successiva.

Altro prestito annuale per la stessa cifra di quest’anno

I tre giornali che hanno riportato la notizia da ieri, sono tre fra i principali quotidiani d’oltremanica: Il Times, The Telegraph e Daily Mail. Sulle loro pagine, infatti, si legge che Inter e Chelsea si siano già accordate per prolungare il prestito di Lukaku anche nella stagione 2023/2024, con i blues che riceverebbero una piccola cifra dai nerazzurri come avvenuto già quest’anno.

Leggi anche:  Consigli Fantacalcio, i giocatori da acquistare all'asta di riparazione: ecco top e sorprese!

E si pensa ad un acquisto definitivo tra due anni

Addirittura, le due società avrebbero già programmato le modalità per un acquisto definitivo dalla stagione successiva ancora, quando l’attaccante belga vedrà di gran lunga diminuito il proprio valore di mercato e che quindi sarà più abbordabile economicamente per la famiglia Suning. Attualmente Lukaku comunque vuole pensare solo al presente, visto che è deciso a dimostrare al calcio europeo di essere ancora uno dei top-player del continente e che intende presentarsi al massimo della forma possibile ai prossimi mondiali di calcio di Novembre in Qatar.

  •   
  •  
  •  
  •