L’Atalanta riparte con Hateboer e Lookman: e ora arriva il Napoli

Pubblicato il autore: Mattia Passariello


L‘Atalanta di Gasperini dimostra di essere squadra matura e neutralizza gli effetti della prima sconfitta in campionato (lo 0-2 interno con la Lazio di una settimana fa) espugnando il Castellani di Empoli con autorità. I gol di Hateboer e Lookman hanno reso ininfluente l’insolito errore dal dischetto di Koopmeiners e proiettato la Dea al secondo posto in solitaria. Dietro quel Napoli che sabato prossimo arriverà al Gewiss Stadium, per un match da brivido.

Atalanta, arriva il Napoli

La sfida contro i partenopei di Spalletti si preannuncia parecchio intrigante. Gli azzurri hanno il morale a mille e surfano sull’onda di tredici successi consecutivi tra campionato e Champions League. Eppure Bergamo può rivelarsi tappa ostica per l’armata spallettiana: questa Atalanta ha cambiato decisamente pelle rispetto agli anni scorsi. Da allegra cicala, la banda del Gasp si è tramutata, un po’ per scelta un po’ per necessità, in oculata calcolatrice che subisce pochissimo e crea sempre qualcosa grazie al dinamismo dei suoi interpreti offensivi. Un camaleontismo che, dati alla mano, si è rivelato salutare per le sorti della Dea dopo la grigia annata scorsa.

Leggi anche:  Calciomercato Lecce: rinnovo importantissimo fino al 2027 per il gioiellino del centrocampo

A confortare Gasperini ci sono infatti i numeri di un gruppo sottovalutato e considerato in fase di transizione a inizio stagione, ma che fin qui ha accumulato 8 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta in 12 incontri. E che riesce a sopperire alla grande alla fase calante di Muriel e agli acciacchi di Duvan Zapata. Il colombiano è da poco tornato a disposizione del tecnico di Grugliasco e il suo ritorno potrebbe garantire quell’incisività offensiva che a tratti manca all’Atalanta. Hojlund, dopo un avvio promettente, è un po’ sparito dai radar e l’attacco nerazzurro si è scoperto senza un vero padrone. Nonostante l’eccellente avvio di stagione di Lookman, il vero asso nella manica a disposizione di Gasperini.

  •   
  •  
  •  
  •