Colantuono: "Ci abbiamo messo del nostro. La squadra è in un momento difficile. Se vogliamo fare un finale degno..."

Le dichiarazioni del tecnico della squadra campana, Stefano Colantuono, al termine del match perso a Roma contro la Lazio con il risultato di 4-1; con questo ko i granata (15 punti in classifica) sono sempre più vicini alla retrocessione in serie cadetta.

Nel match della 32.a giornata del campionato di Serie A disputato allo stadio "Olimpico" di Roma tra Lazio-Salernitana, a prevalere sono stati i biancocelesti che hanno vinto 4-1, con doppietta di Felipe Anderson, Vecino ed Isaksen (per i campani Tchaouna). Con questo ennesimo ko, per i granata (fermi a 15 punti) la retrocessione in Serie B è sempre piu vicina.

Stefano Colantuono, le sue dichiarazioni post partita

"Sapevamo che l’impegno sarebbe stato discretamente difficile contro una Lazio ferita dopo la sconfitta nel derby e un momento di polemica. Noi però ci abbiamo messo del nostro perché su quattro gol almeno un paio glieli abbiamo fatti fare noi e questo ci è già successo in altre situazioni. Quando giochi con queste squadre e vai subito sotto, poi rimetterla a posto diventa difficile. Mi è piaciuta la reazione, abbiamo avuto un’occasione per accorciare e l’abbiamo sfruttata. Ne abbiamo avuta anche un’altra importante, poi è chiaro che concedi contro una buonissima squadra. Gli errori nostri non vanno fatti. Abbiamo perso due giocatori per infortunio e abbiamo già giocatori fuori, il momento non è bellissimo, abbiamo corretto qualcosa nel secondo tempo dicendo a Candreva di lavorare un po’ più da mezzala senza palla anzichè da sottopunta e Legowski di giocare davanti alla difesa. La differenza tra le due squadre era netta. La squadra è in un momento difficile. A livello psicologico non è facile gestire determinate situazioni. Se vogliamo fare un finale degno dobbiamo stare fino alla fine sul pezzo per non regalare nulla, dobbiamo fare di più, soprattutto nelle partite alla nostra portata. L’anno prossimo è lontano, dobbiamo finire questa stagione. La società deciderà le strategia per l’anno prossimo. Gol subiti nei primi minuti? Ci stiamo provando a migliorare, è una cosa che accade da molto tempo, io sono il quarto allenatore, va cambiato l’approccio alla partita“.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Jeda: "Europei? Germania e Francia sono le squadre da battere. L'addio al calcio di Ranieri mi ha spiazzato"