Lecco-Parma 3-2: la capolista in 10 per un'ora si butta via al Rigamonti-Ceppi

Impresa della squadra di Melgrati e Bonazzoli, che ferma la prima della classe uscendo per la prima volta in stagione dalla zona retrocessione. Al Parma, condizionato dall'espulsione di Hernani al 30', non basta il solito vantaggio lampo con il rigore di Benedyczak

Il pre-sosta è ancora fatale per il Parma. Un mese dopo il ko in casa del Venezia prima della pausa di ottobre, i crociati cadono anche in casa del Lecco, vedendo stoppare quella che dopo gli ultimi risultati sembrava una fuga verso la Serie A. Se il ko in casa dei lagunari, che ora vedono la vetta distante solo di due punti, poteva essere spiegabile con la qualità della squadra di Vanoli, il successo dei blucelesti è figlio della classica giornata di luna storta di buona parte dei giocatori di Pecchia e in particolare di Hernani, fattosi ingenuamente espellere dopo 30 minuti per un’ingenua doppia ammonizione. Del resto una settimana dopo il successo sul Sudtirol, figlio anche del coraggio di Pecchia nello schierare quattro attaccanti contro una squadra chiusa a riccio, questa volta la ruota è girata contro il tecnico degli emiliani.

Impresa Lecco, secondo ko per il Parma: fuga finita

In una gara “sporca” Pecchia ha pagato la scarsa attitudine di Hernani all’interdizione e poi, dopo il rosso, la scelta di rischiare non riequilibrando subito la formazione, subendo sul finire del tempo lo svantaggio che ha di fatto deciso la gara. A quel punto nella ripresa il Parma ha mostrato il fianco alle ripartenze dei blucelesti. Vano il 3-2 di Charpentier a venti dalla fine, così alla fine il Lecco fa festa per una giornata storica che, con una gara ancora da recuperare, il derby contro il Como del 28 novembre, la porta a uscire dalla zona retrocessione grazie agli 11 punti ottenuti nelle ultime cinque partite. Quanto al Parma, che ha pagato cara l’assenza di Man, non suonano campanelli d’allarme particolari. Complice anche il ko dei rosanero contro il Cittadella che lascia inalterato il +6 sulla terza piazza. La squadra ha tanta qualità e una sua struttura definita, così come una mentalità offensiva che alla lunga in Serie B può pagare. La marcia avuta finora consentiva un passo falso, semmai la società può prendere appunti in vista di gennaio, quando sarà necessario inserire in rosa un altro centrocampista di sostanza, lacuna già chiara a fine agosto.

Leggi anche:  Palermo-Venezia, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere playoff Serie B

Il Parma si ferma a Lecco: non pagano gli azzardi di Pecchia

E pensare che il Parma si era reso protagonista della sua solita partenza sprint, con il vantaggio trovato già al 12’ su rigore concesso da Pairetto dopo on field review per fallo di Lemmens su Bonny e trasformato da Benedyczak. Questa volta però la capolista non è riuscita ad evitare la reazione avversaria, perché il pari è arrivato già al 23’ con Novakovich, lesto a insaccare una palla vagante dopo un angolo. Un gol inatteso per il Parma, che ha faticato a reagire peccando in leziosismi e non riuscendo ad adeguarsi all’agonismo imposto dal Lecco. Così il doppio giallo a Hernani nel giro di dieci minuti ha cambiato la partita: Pecchia non ha modificato la formazione e dopo un miracolo di Chichizola su Buso e Novakovich al 42’ lo stesso Buso, ancora da corner, ha siglato il vantaggio.

Leggi anche:  Playoff Serie B, probabili formazioni Palermo-Venezia: le scelte di Mignani e Vanoli

Ripresa mozzafiato: arbitro ko e rigore tolto ai crociati

Il film della ripresa è scritto. Parma in avanti e Lecco di rimessa, ma neppure all’intervallo Pecchia ha sistemato il centrocampo, limitandosi ad arretrare Bernabè e Sohm in un 4-3-2 rivelatosi insufficiente nel filtro. Il Lecco ha ringraziato trovando il 3-1 al 60’ di testa con Lepore, non certo un gigante, ma lesto a sfruttare un cross di Buso. Solo a questo punto dalla panchina del Parma sono arrivate le contromosse necessarie: Colak, Charpentier e soprattutto Camara per una squadra più fisica a centrocampo e soprattutto in attacco. La mossa della doppia torre e la stanchezza hanno messo il Lecco all’angolo, così la rete di Charpentier al 70’ ha trasformato il finale in un assedio crociato. Succede di tutto con l'arbitro Pairetto che si fa male, ma resta in campo stringendo i denti, fischiando anche un altro rigore per il Parma, poi cancellato dal Var. Alla capolista non bastano neppure otto minuti di recupero per evitare il ko. E dopo la sosta al Tardini sarà derby contro il Modena.

Leggi anche:  Palermo-Venezia, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere playoff Serie B

Lecco-Parma 3-2, il tabellino

Marcatori: 12’ rig. Benedyczak; 23’ Novakovich; 42’ Buso; 58’ Lepore; 70’ Charpentier

Lecco (4-3-3): R. Melgrati; Lemmens (59’ Guglielmotti), Celjak, Marrone (77’ Battistini), Caporale; Sersanti, Ionita, Degli Innocenti (63’ Galli); Lepore, Novakovich, Buso (77’ Tenkorang). All.ri: A. Melgrati – E. Bonazzoli.

Parma (4-2-3-1): Chichizola; Delprato, Balogh, Circati (88’ Ansaldi), Di Chiara (46’ Coulibaly); Estevez, Hernani; Sohm (63’ Camara), Bernabé, Benedyczak (63’ Charpentier); Bonny (63’ Colak). All.: F. Pecchia.

Arbitro: Pairetto (Torino)

Ammoniti: Lemmens, Benedyczak, Hernani, Degli Innocenti, Marrone e Chichizola

Espulso: Hernani al 31’ per doppia ammonizione