“Quelli della Lega Pro…”: Un’ Alessandria da record europeo, nessuna via di fuga nel B e Juve Stabia capolista nel C

Pubblicato il autore: marco.stiletti Segui
1960_lega-pro-ufficializzati-i-gironi-2016-2017L’Alessandria è la dominatrice assoluta non solo del girone A, ma di tutta la Lega pro. Lo dice la casella sconfitte ancora a zero, quella dei pareggi solo uno con la seconda in classifica e concorrente diretta al titolo Cremonese e soprattutto i 31 punti in classifica quasi otto/dieci più delle altre capoliste degli altri due gironi. Non solo anche nella tabella marcatori ha due giocatori a 8 gol ed èquella che ha segnato più di tutte.
I piemontesi sono anche la squadra con la più alta media punti di tutti i principali campionati professionistici d’Europa. L’Alessandria torna a far parlare di sè, con un record che da ieri detiene in perfetta solitudine. È imbattuta come il Bayern e il Real Madrid ma ha numeri migliori delle attuali regine di Bundesliga e Liga e delle formazioni che, dalla prima alla terza serie, guidano i tornei in Inghilterra, Francia, Germania, Spagna, Belgio e Olanda. Poi, certo, ci sono da fare le debite proporzioni, ma intanto il primato è lì. Tutto da godere.
Con la vittoria sulla Pistoiese per 2-1, la Cremonese è diventata la seria candidata a competere con l’Alessandria per la B diretta. Una squadra decisamente matura, quella di Tesser, con la speranza che, nonostante l’età media piuttosto avanzata, le motivazioni siano le stesse di una piazza che vuole fortemente la tanto agognata serie cadetta. I nomi per l’assalto ci sono, non solo per quanto riguarda i calciatori ma anche in società grazie anche all’arrivo del nuovo presidente Rampulla. Dietro i grigiorossi e i grigioneri sono staccate Arezzo di cinque lunghezze già dieci dall’Alessandria, Viterbese di 6 e poi la coppia Como-Piacenza di 7.
La stessa situazione con qualche squadra più esiste nel girone C. Se in quello A sono solo due squadre a staccare le altre dalla terza posizione in poi, nel girone C la Juve Stabia è prima con 25 punti davanti al trio di 24 Foggia-Lecce-Matera che staccano già di 5 punti  e 6 Cosenza e Monopoli. Anche qui come i due giocatori dell’Alessandria troviamo due attaccanti a 8 gol Caturano che non segna da tempo e Negro che con le sue reti ha condotto il buon Matera fino alla seconda posizione.
Caratteristiche da squadra di B le ha sicuramente la Juve Stabia che supera un potente Cosenza nella sfida del Menti per 2-0 grazie ai gol di Ripa e Giandomenico. Sotto gli occhi dell’ex presidente Roberto Fiore, che ha accolto l’invito di Fontana ad assistere, sia pure per un tempo, alla gara, i gialloblù mostrano i muscoli al campionato e confermano di essere una delle serie candidate alla promozione in serie cadetta. Grazie al pareggio del derby pugliese tra Foggia e Lecce (0-0) rimane in testa alla classifica con un punto in più da gestire. Anche in Calabria nella prossima sfida di Catanzaro la vetta potrà essere conservata con una vittoria vista la caratura dell’avversario non certo insuperabile. Lecce e Foggia comunque sono di un altro pianeta e sarà difficile per gli stabiesi trionfare ai loro danni.
Il girone B, invece, è sempre all’insegna dell’equilibrio. Nove squadre raccolte in quattro punti e nessuno riesce a prevalere sull’altro. Bassano, Venezia a 22, Reggiana, Parma e Sambenedettese a 21, Padova e Gubbio a 19 e Feralpisalò e Pordenone a 18 punti. Sino a Feralpi e Pordenone, tutte possono legittimamente aspirare ancora alla vittoria finale. Primo il Parma ci può arrivare. Ora dista un solo punto dalla coppia di testa. Sembra un po’, questa classifica, il gruppone dei ciclisti che si prepara a uno sprint, con i velocisti che si studiano prima della volata. Solo che qui la volata è ancora lontana e allora sarebbe meglio, come ha fatto l’Alessandria, tentare appena possibile l’allungo che fa il vuoto.
D’altra parte il Parma ha accusato più problemi del previsto nell’acclimatarsi alla nuova categoria. Li sta, si spera, pian piano risolvendo e questo dovrebbe portare la squadra a trovare una certa continuità di risultati. La Sambenedettese è arretrata e il Venezia con il calendario difficile non è riuscita ad andare in fuga. Inoltre sta venendo fuori una Reggiana che sta macinando vittorie su vittorie, l’ultima a Mantova per 3-2.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Diretta Live Juve Stabia Paganese: cronaca e risultato in tempo reale