Capuano addio, la piazza biancoverde: “Grazie di essere stato un lupo!”

Pubblicato il autore: Paolo Russo Segui


Il Mister Ezio Capuano è stato esonerato dall’U.S. Avellino 1912. Ad annunciarlo è stata la società, con una nota ufficiale rilasciata nella serata di ieri 6 luglio 2020.

Capuano esonerato dall’Avellino

Se il Presidente D’Agostino viene da me e mi dice che vogliono puntare su un altro allenatore, io il contratto lo strappo. Se invece, con affetto illimitato, questa proprietà intende partire con me, io sono fiero perché questa società io la voglio portare in Serie A.” Ce le ricordiamo tutti queste parole, era solo qualche mese fa e oggi, a rileggerle, fanno un certo effetto. Eziolino Capuano viene esonerato dall’Avellino ma ci lascia il cuore e molti tifosi, per questo, lo ricorderanno per sempre. La dedizione e la passione che ha impresso nella squadra, hanno ridato orgoglio ad una società intera.

Il messaggio d’amore di Capuano ad Avellino

Grazie a voi tutti. Grazie per tutto quello che mi avete mostrato in questi mesi. Non nascondo che mi sono vergognato quando i miei figli mi hanno visto piangere. Purtroppo i sentimenti non si trattengono, sono un misto di delusione e di soddisfazione. La delusione, per quello che ho fatto per questa maglia, i sacrifici, ma soprattutto il rispetto che le ho fatto portare su tutti i campi. Le lacrime nel leggere tutte le parole belle nei miei confronti. Tutti i miei sacrifici oggi però hanno avuto un senso. Oggi ho stravinto il mio campionato, sono arrivato odiato e vado via amato. Dopo 20 anni coronavo un sogno, quello di allenare l’Avellino. Io orgoglioso di esserlo stato, fiero di non essermi mai piegato, illimitatamente dignitoso di avervi fatto rispettare. Vi amo, forza lupi.

Avellino tra 1° e 2° tempo di decisioni

Capuano ad Avellino ha portato la gloria di un decimo posto che ha voluto dire Play-Off. Ha valorizzato giocatori, li ha fatti crescere, ha creato un gruppo. Nessuno può dire cosa avrebbe potuto raggiungere nella prossima stagione, ma la scelta del suo esonero forse meritava un po’ di riguardo in più da parte della dirigenza, considerando soprattutto l’uomo e il rapporto con la piazza di entrambe le parti. Forse, ripensandoci, la decisione di fare i Play-Off non si è rivelata la più esatta, dato il clima che si era creato già qualche settimana prima della partita di Terni. Viene da pensare, col senno di poi, che nel dietro le quinte fosse già stato deciso qualcosa affinché gli eventi si svolgessero in un certo modo.

Avellino tra #daccapo e #rinascita. E Di Somma?

Da un altro punto di vista, la società, anzi la nuova società, ha messo subito le cose in chiaro: “daccapo” non è solo uno slogan e si è immediatamente passati all’azione, dando concretezza alle parole. Date le consuetudini a cui si è abituati, non solo nel calcio, questo è di certo un buon segnale. Certo, ora ci sarà da chiarire la posizione del DS Di Somma. Un altro rebus. Paradossalmente, la chiarezza d’intenti sta portando la piazza avellinese a farsi mille domande. In attesa del 10 luglio, della “rinascita”.

Nonostante siano molti i tifosi favorevoli alla drastica scelta societaria, una risposta chiara ed unitaria dalla piazza biancoverde è arrivata per il Mister Eziolino Capuano, a prova che in questi mesi ad Avellino è riuscito a conquistare il cuore di tutti:

“Grazie per essere stato un lupo!”

Il giusto riconoscimento ad un uomo che ha dato tanto ad una squadra che di “tanto” aveva bisogno.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: