Serie C, Gallo fa volare il Picerno: Catania sconfitto nel recupero (1-0). Lucani di nuovo secondi

Al Curcio, nel recupero della sfida non giocata lo scorso 20 gennaio per impraticabilità di campo, decide una rete del centrocampista nel primo tempo. I rossoblù superano l'Avellino e continuano l'inseguimento della Juve Stabia. Rossazzurri al 10° ko stagionale

Il Picerno non stecca nel recupero contro il Catania e si riprende il secondo posto della classifica del girone C di Serie C. La squadra di Longo si aggiudicata la sfida della 22a giornata, non disputata lo scorso 20 gennaio per impraticabilità dello stadio Curcio. I rossoblù, alla seconda vittoria consecutiva, terza nelle ultime cinque gare e sconfitti solo una volta nelle ultime 17 partite, contro la Juve Stabia salgono così a 45 punti, a -6 dalle vespe prime della classe.

Il Picerno torna secondo, Catania ancora sconfitto

Per i lucani è la rivincita del match perso 3-2 contro il Catania al Cibali lo scorso 8 novembre, valevole per il secondo turno di Coppa Italia, torneo che vede i rossazzurri ancora in corsa e chiamati il prossimo 28 febbraio a cercare di ribaltare al Massimino la sconfitta per 1-0 contro la Rimini nella semifinale d’andata. Per la squadra di Lucarelli si tratterà di una partita chiave per il prosieguo della stagione, dal momento che la rincorsa ai playoff attraverso il campionato resta tutta da conquistare. A Picerno è arrivata la decima sconfitta in campionato, la quarta della nuova gestione tecnica: siciliani inchiodati a 30 punti, ma il 10° posto resta comunque a tre punti di distanza.

Gallo-gol, il Picerno sogna in grande

Partita poco spettacolare al Curcio tra due squadre schierate a specchio e parse piuttosto rispettose, se non tirmorose, l'una dell'altra. A deciderla è stata una rete di Andrea Gallo al 20’ del primo tempo: bravo il centrocampista rossoblù a trovare la coordinazione in corsa col destro raccogliendo un pallone respinto corto da Monaco dopo un cross di Pagliai. Fino a quel momento il Catania era stato fin troppo rinunciatario, limitandosi a fare schermo agli attacchi peraltro piuttosto sterili dei padroni di casa. Le uniche occasioni da rete erano state comunque proprio per il Catania, con un tentativo di Chiricò in avvio e poi con Costantino, al tiro con pericolosità all’11, conclusione però respinta dalla difesa del Picerno. Il Catania ha accusato il colpo dello svantaggio, impiegando diversi minuti per reagire. Allo scadere del primo tempo altra buona occasione per Costantino, che ha calciato alto da posizione favorevole.

Costantino poco ispirato, decima sconfitta per il Catania

Secondo tempo con ancora meno emozioni. Ritmi blandi, ulteriormente spezzettati dalle tante sostituzioni, ma il Picerno ha commesso l’errore di non cercare il gol che avrebbe con ogni probabilità chiuso l’incontro. Lucarelli ha rifatto l’attacco inserendo Di Carmine, Peralta e Chiarella, ma senza raccogliere frutti. Buona la prova difensiva della squadra di Longo, che ha rischiato solo in avvio di frazione su un errore in disimpegno di Summa dal quale è scaturita un’altra occasione per Costantino, nuovamente impreciso al tiro a pochi passi dallo stesso portiere. Finale concitato con il forcing dei siciliani, vicini al bersaglio con un colpo di testa di Monaco e una staffilata di Castellini da calcio piazzato.

Picerno-Catania 1-0: il tabellino

Marcatore: 20’ Gallo

Picerno (4-2-3-1): Summa; Pagliai, Gilli, Allegretto (49’ Biasiol), Guerra; De Ciancio, Gallo; Graziani (78’ Albertini), Albadoro (65’ Maiorino), E. Esposito (78’ D’Agostino); Murano (46’ Santarcangelo). All.: E. Longo.

Catania (4-2-3-1): Albertoni; Bouah, Curado, Monaco, Castellini; Welbeck, Quaini (61’ Di Carmine); Chiricò (71’ Chiarella), Tello (71’ Kontek), Cicerelli (71’ Peralta); Costantino. All.: C. Lucarelli.

Arbitro: Arena (Torre del Greco)

Ammoniti: Tello, Cicerelli, Allegretto, D’Agostino