Napoli, De Laurentiis:” Parlerò con il Genoa per Piatek. Voglio prolungare il contratto ad Ancelotti”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
during the pre-season friendly match between SSC Napoli and OGC Nice at Stadio San Paolo on August 7, 2016 in Naples, Italy.

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

De Laurentiis nelle vesti di “one man show“. Il vulcanico presidente azzurro, presente ieri a Solopaca, provincia di Benevento, per l’inaugurazione di un Napoli club a lui intitolato, intervistato dai giornalisti presenti all’evento non ha lesinato interessanti dichiarazioni di mercato, mettendo nel mirino l’attaccante del Genoa, Piatek. A seguire non ha perso l’occasione di elogiare Carlo Ancelotti, svelando la volontà di rinnovargli il contratto, al fine di portarlo a sei anni di durata, per poi gettare lo sguardo in Champions League, in vista della doppia sfida suggestiva ed allettante contro i francesi del Paris Saint-Germain.

Questi alcuni dei passaggi più interessanti rilasciati da un De Laurentiis mai banale nelle affermazioni:” Ho parlato di Piatek con Preziosi ed il suo agente, ci incontreremo a breve. Non ho però la necessità di fare le cose in fretta, così come non mi va di partecipare ad aste. Senza nulla togliere al giocatore, bisogna valutare se ha le capacità di rendere nella nostra squadra così come lo fa con la maglia del Genoa. Non compriamo così tanto per comprare, bisogna aspettare la crescita di alcuni elementi che può non essere immediata“.

Leggi anche:  L'Atalanta cambia il pelo, ma non il vizio: miglior attacco della Serie A (esattamente come l'anno scorso)

Dirottando verso il tecnico Carlo Ancelotti, queste le parole espresse dal numero uno del club partenopeo:” Ho deciso di lasciare tranquillo il nostro allenatore, ha un contratto triennale ma vogliamo presto portarlo a sei anni. Capisco che la strada è lunga e piena di insidie, non possiamo evitarle, ma quest’anno avevo dato nove gare ad Ancelotti per ambientarsi, l’ha fatto rapidamente e mi ha colpito quando ci siamo sentiti prima della gara contro il Liverpool. Mi ha convinto dicendomi “Questa sera noi vinciamo“. Fino all’87’ non è successo nulla poi ha segnato Insigne e mi sono ricordato le sue parole. Ha parlato di Napoli come una famiglia? Non mi sono meravigliato, lui è l’esempio di chi ha vinto dappertutto in Italia, Spagna, Germania, Inghilterra, Francia. L’abbiamo già visto in Champions“.

Leggi anche:  Quel giallo che pesa come un macigno: Romero contro la sua ex Juventus non ci sarà domenica

A proposito di Champions, ecco come De Laurentiis inquadra la sfida contro il PSG, senza lesinare una stoccata per quanto riguarda la presunta combine, su cui l’UEFA sta indagando, avvenuta, presumibilmente, in occasione della gara tra i parigini e la Stella Rossa di Belgrado:” Si potrebbe correre il rischio di azzerare tutto con soltanto due squadre in corsa, così sentivo dire ieri in quel di Capri. Per quanto riguarda la nostra sfida so perfettamente che loro hanno Mbappè, Neymar e Cavani ma io me la vado a giocare con Ancelotti“.

Questo il De Laurentiis-pensiero, quanto mai battagliero e convinto delle potenzialità della sua squadra. Il patron azzurro stima infinitamente Ancelotti e scommette sulle qualità del gruppo azzurro. L’obiettivo principale è togliersi tante soddisfazioni sia in Italia che in Europa e a star sentire ADL, grazie a Carletto, tutto ciò, potrà essere possibile.

  •   
  •  
  •  
  •