Torino, clamorosa occasione per Gomez a gennaio!

Pubblicato il autore: Marco Morgano Segui

VOCI DANNO IL PAPU GIÀ PARTENTE PER GENNAIO E IL TORINO, ALMENO FINO A GIUGNO, SAREBBE TRA LE DESTINAZIONI ITALIANE PIÚ PLAUSIBILI – Le tensioni in casa Atalanta hanno raggiunto un punto di non ritorno e lo sfogo social odierno del Papu ne è la lampante dimostrazione. “Quando me ne andrò si saprà la verità di tutto” ha scritto l’argentino all’interno di un post pubblicato su Instagram e, nonostante i tentativi di riportare la calma da parte della società bergamasca, quel famoso epilogo sembra più vicino che mai. Tra meno di un mese partirà la sessione invernale di calciomercato e, se il Papu dovesse lasciare l’Atalanta pur rimanendo in Italia, non è difficile accostare Gomez a determinate società. Alcune voci generatasi nelle ultimissime ore parlano dell’apertura di un possibile clamoroso scenario che vedrebbe il talentuosissimo capitano nero-azzurro accasarsi al Torino. Ad esporsi su questo argomento è anche l’esperto Gianluca Di Marzio che, semplicemente, lo individua come partner ideale per Andrea Belotti.

Leggi anche:  Il PSG rilancia per Hakimi!

Gomez Torino, trattativa potenzialmente fattibile

La società granata, dal monte ingaggi più elevato di quello atalantino, potrebbe adempiere senza elevati stravolgimenti alle condizioni di un eventuale contratto del Papu che, nel club i Percassi, percepisce “appena”, si fa per dire ovviamente, 1,8 mln di euro a stagione. Insomma per intenderci il sudamericano percepisce un salario inferiore a quello dei granata Belotti e Sirigu (2 mln) ed il medesimo compenso di Zaza, Izzo e Verdi oltre che una cifra poco più alta di quelle spettanti a Rodriguez e N’Koulou (1,5 mln). C’è da sottolineare che il Torino, in lotta per la salvezza, naviga in acque ben diverse da quelle dei bergamaschi, in lotta per il podio e agli ottavi di Champions, ma proprio questo potrebbe portare la presidenza granata ad una trattativa, tanto clamorosa quanto epocale, che in un colpo solo eleverebbe il Torino ad un livello superiore e salverebbe l’alta dirigenza del linciaggio perpetuo della tifoseria. Attualmente, come naturale che sia, si parla di fantacalcio e fantamercato ma bisogna considerare fattori, fino a poco tempo fa, impensabili. Tra questi figurano il deteriorarsi del rapporto tra lo stesso Gomez e Gasperini, la volontà del Torino di effettuare acquisti decisivi nel mercato di riparazione e la necessità del Papu di giocare da titolare tutte le partite fino alla fine della stagione per tentare di agguantare una maglia Albiceleste per la Copa America.

Leggi anche:  Italia, Andrea Belotti: "Mi sento un titolare, l'Italia vuole arrivare in fondo"

Il Torino come trampolino per giugno

I top club italiani, già collaudati, difficilmente sono disposti a rilevare il Papu a metà stagione ma potrebbero lasciare il giocatore ad altre società, come appunto il Torino, che si trovano fuori dai giochi di alta classifica e offrirebbero la garanzia di vederlo titolare in tutti i match Serie A in una realtà molto differente da quella di Gasperini. Gomez negli ultimi anni ha espresso fermamente la volontà di rimanere in Italia fino a fine carriera e perciò ha rifiutato, negli anni, moltissime offerte dall’Oriente. La società di Cairo non potrebbe certamente offrire cifre di tale importanza ma, come detto, sarebbe in grado di superare agilmente l’attuale retribuzione annua di Alejandro.
Gli stessi grandi club potrebbero poi valutare, sulla base di questi mesi, un eventuale acquisto in vista della prossima stagione presentando a Gomez un’offerta di contratto più onerosa e lusinghiera. Il Torino, in parole povere, potrebbe recitare lo stesso ruolo già interpretato nel processo di rivalutazione di Immobile, arrivato, per la seconda volta, nel 2016 dopo la rottura con il Borussia Dortmund.
Insomma, in un anno così particolare e ricco di clamorosi colpi di scena, non viene così difficile pensare, o per lo meno immaginare, che il 32enne di Buenos Aires possa deliziare i tifosi granata con le sue magiche giocate, almeno solo fino a giugno 2021.

  •   
  •  
  •  
  •