Il pacchetto difensivo per l’Inter di Inzaghi è quasi pronto

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui

Se c’è una cosa su cui l’Inter ha puntato per vincere lo scudetto è stata la solidità difensiva. De Vrij, Skriniar e Bastoni si sono rivelati tre difensori di altissimo livello. Per De Vrij nulla di nuovo, ha mantenuto il livello costante negli anni. Meno Skriniar che era stato messo in dubbio da Conte l’anno prima e sembrava sul punto di salutare, per poi rifarsi con una stagione straordinaria – con gol pensati e decisivi. Infine Bastoni, vera e propria rivelazione per la società neroazzurra. Per completare il pacchetto difensivo di Inzaghi potrebbero arrivare altri due uomini: Mustafi e Radu.

Radu e Inzaghi, chi non muore si rivede

Il romeno è un fedelissimo di Inzaghi. Prossimo ai 35 anni, Radu è arrivato alla Lazio nel 2008, militando ben 13 anni con la squadra della capitale. Ma è il momento dell’addio, il suo contratto scade il 30 giugno e non sembra essere da parte dei biancocelesti la voglia di rinnovare il contratto. In suo ‘soccorso’ potrebbe arrivare Simone Inzaghi, offrendogli un accordo annuale all’Inter. Dopo aver collezionato 338 presenze – risultando il calciatore con più presenze nella storia della Lazio – ora sembra destinato a ritrovare Inzaghi, con cui ha già lavorato in questi anni alla Lazio. Accetterebbe il ruolo di sostituto di Bastoni e un ingaggio di poco superiore al milione di euro. Usato sicuro per l’Inter.

Leggi anche:  Calciomercato Milan, c'è il prezzo per Isco

Punto sulle uscite

Per ogni operazione in entrata, però, ce ne dovrà essere una in un uscita. In caso arrivassero Mustafi e Radu, a salutare potrebbero essere Ranocchia e Kolarov. Il primo potrebbe andare al Bologna o al Torino, il secondo potrebbe tornare in patria o andare al Verona. Per Kolarov è stata una stagione in chiaroscuro: si è reso protagonista di molti svarioni difensivi – dovuti al fatto che è stato schierato come terzo centrale di difesa – e non è risultato in grande forma. Dopo un solo anno a Milano potrebbe dire addio e tornare in Serbia.

  •   
  •  
  •  
  •