Martinelli già nostalgico di Nibali? “Non abbiamo il suo erede”. Cala il sipario nel ciclismo italiano?

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu

Martinelli già nostalgico di Nibali
Martinelli già nostalgico di Nibali? Il direttore sportivo del team Astana era riuscito a riportarlo a casa, dopo la sua esperienza nel team Trek Segafredo. Probabilmente non si è mai pronti al ritiro di grandi campioni, ma in questo 2022 bisognerà fare l’abitudine con le ultime corse a cui parteciperà Vincenzo Nibali. Infatti, in questo Giro d’Italia, durante la tappa che ha portato a Messina, città dello Squalo, il corridore ha annunciato il suo ritiro a fine stagione. Questo sarà per lui l’ultimo Giro d’Italia e le prossime corse, le ultime della sua carriera.

Martinelli già nostalgico di Nibali?

Martinelli ha rilasciato il suo pensiero in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, sottolineando come non ci sia un erede di Nibali. Al riguardo ha affermato: “Uno come Nibali vorresti che non smettesse mai, anche perché non abbiamo il suo erede e non lo si vede nemmeno all’orizzonte. Con il suo addio sul ciclismo italiano calerà un sipario, un triste sipario”.

Martinelli ha poi aggiunto, rimembrano un episodio a lui caro: “Il momento vissuto con Nibali che ho più caro è quando dal podio dei Campi Elisi del Tour ha fatto il mio nome. Non era così scontato che lo facesse, ma lo ha fatto”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Malore Bardet al Giro, il corridore esprime la sua delusione. Ecco cosa è successo