Giro d’Italia: le pagelle della seconda settimana

Pubblicato il autore: andrea terreni Segui


La seconda settimana di questo bellissimo Giro d’Italia ci ha regalato grandi conferme, nuovi protagonisti, alcune delusioni e vecchi leoni che vogliono ancora stupire. Ecco le nostre pagelle.

Giro, le pagelle della seconda settimana: promossi

Bernal: voto 10. Fortissimo in salita e leader del team più forte presente a questo Giro. La Maglia Rosa è per adesso un’armatura inscalfibile che sembra dargli ulteriore forza e nessuna pressione. Il colombiano vola quando la strada sale, ma è anche abile calcolatore e soprattutto sempre attento e concentrato. DOMINATORE

Caruso: voto 9. Il siciliano doveva essere lo scudiero di Landa e si ritrova 2° in classifica, questo ci fa capire che battaglia sarebbe stata se lo spagnolo non si fosse ritirato. Non ha la potenza di Bernal e sale sempre del suo passo, ma è un passo che non lo porta mai fuori giri e che gli permette di essere ancora in corsa per la vittoria finale. La terza settimana è a lui più adatta, con tappe e salite molto lunghe. DIESEL

Leggi anche:  Tokyo 2020, Cassani aspetta il Tour de France per annunciare i convocati. Ultima chiamata per Nibali

Ciccone: voto 7,5. Soffre molto dopo il giorno di riposo e paga nell’arrivo di Montalcino. Poi è sempre tra i migliori. E’ uno scattista e fatica a tenersi a freno, ma è rimasto la freccia all’arco della Trek per la Classifica Finale. Nibali potrebbe dargli una mano per provare a ribaltare il Giro, la terza settimana sarà un’incognita anche per lui. PULEDRO

Fortunato: voto 8. Il giovane della Eolo-Kometa fa l’impresa che potrebbe valere anche una carriera. Indovina la fuga giusta ben guidato dai consigli di Ivan Basso e spiana o Zoncolan, arrivando a braccia alzate su quello che probabilmente è l’arrivo più romantico di questo Giro. Contador a casa sul divano promette di venire a Milano in bici, lo aspettiamo. CAMOSCIO

Giro, le pagelle della seconda settimana: rimandati

Vlasov e Yates: voto 5,5. I due alfieri della Astana e della BikeExchange sembrano sempre sul punto di attaccare la maglia rosa. Dispongono di squadre molto forti e di ottimi strateghi in ammiraglia, eppure quando dovrebbero esaltarsi fanno troppa fatica. La posizione in classifica a ridosso del podio non è fallimentare ma deludente. Ci aspettiamo una terza settimana all’assalto. FANTASMINI

Leggi anche:  Tokyo 2020, Cassani aspetta il Tour de France per annunciare i convocati. Ultima chiamata per Nibali

Nibali: voto 6. Vincenzo è sufficiente ma rimandato. Sufficiente perchè ha molti alibi che ne giustificano l’uscita dalla classifica generale. Rimandato perchè vogliamo vederlo ancora all’attacco, per se stesso e per portare Ciccone sul podio di Milano. La terza settimana è la sua zona di caccia e noi aspettiamo il suo morso. FARO

Nizzolo: voto 6,5. Il campione italiano ed europeo centra finalmente quella vittoria al Giro che sembrava non arrivare mai, sepolta da un’infinità di piazzamenti. Purtroppo però questa vittoria sembra averlo svuotato e indirizzato al ritiro. Noi vorremmo rivederlo in ciclamino sul podio di Milano e per questo lo rimandiamo al prossimo anno. PROMESSA

Giro, le pagelle della seconda settimana: bocciati

Evenepoel: voto 5. Il giovane talento belga è necessariamente il bocciato, nonchè la delusione più cocente di questo Giro d’Italia. Il suo voto è insufficiente ma non disastroso, perchè gli riconosciamo attenuanti doverose: l’incidente al Lombardia e la giovane età non sono motivazioni da poco. Ha però molto da migliorare per essere al top in gare di tre settimane, ma siamo certi che diventerà un campione. PREDESTINATO

Leggi anche:  Tokyo 2020, Cassani aspetta il Tour de France per annunciare i convocati. Ultima chiamata per Nibali

Deceuninck – Quick Step: voto 4. Puntano tutto sul giovane Remco e sbagliano. Almeida (voto 6) si dimostra osso duro e avrebbe meritato di fare la sua gara. Il portoghese ha sofferto l’inizio ma è in netto miglioramento e il tempo passato a lavorare per il compagno oggi gli sarebbe servito. Il forte team belga non ha avuto le idee troppo chiare. ANNEBBIATI

Movistar: voto 4. Sfortunati per il ritiro di Soler, che comunque non avrebbe impensierito i migliori. Siamo sempre stati abituati a vedere una Movistar forte e battagliera, capace di ritagliarsi obiettivi importanti se non quello di lottare per la Classifica Generale. Quest’anno purtroppo il team spagnolo sta colpevolmente mancando a questo Giro. NON PERVENUTI

  •   
  •  
  •  
  •