Motomondiale, Marc Marquez lascia la Honda dopo undici stagioni

Marc Marquez ha annunciato l'addio alla Honda al termine della stagione 2023, dopo undici stagioni e ben sei titoli Mondiali conquistati nella classe MotoGP in sella alle moto della casa giapponese. Ancora tanta incertezza sul suo futuro nel Motomondiale.

Marc Marquez non sarà più un pilota ufficiale della Honda a partire dalla stagione 2024. Nonostante un altro anno di contratto con la scuderia di Saitama, infatti, l'otto volte campione del mondo di motociclismo ha deciso di concludere prematuramente un'esperienza ricchissima di soddisfazioni e di vittorie.

Dal 2013 ad oggi, infatti, il pilota catalano ha conquistato ben sei titoli della classe MotoGP, 59 vittorie, 101 podi (l'ultimo proprio domenica scorsa a Motegi, circuito di casa proprio della Honda) e 64 pole position. Numeri che potranno soltanto migliorare nelle ultime gare del Motomondiale 2023, dal momento che la risoluzione del contratto avrà effetto soltanto dopo la gara di Valencia.

Un addio che era nell'aria da molto tempo e che arriva al termine di una stagione molto complicata per Marc Marquez e, in generale, per la Honda. La conferma è arrivata soltanto quest'oggi, intorno alle 14:00, attraverso un comunicato ufficiale del Team HRC.

A questa separazione consensuale, però, non ha ancora fatto seguito l'annuncio circa il futuro di Marc Marquez nel Motomondiale. La voce che maggiormente si sta rincorrendo nel paddock è quella di un approdo del #93 in Ducati, quasi certamente nel Team Gresini in cui ha già trovato spazio, in questa stagione, il fratello Alex.

A tal proposito, lo scorso 23 settembre, Paolo Ciabatti (direttore sportivo di Ducati Corse) aveva dichiarato che qualsiasi decisione riguardi il futuro di Marc Marquez avrebbe riguardato "soltanto lui e il suo team" e che, per quel che concerne la scuderia di Borgo Panigale, vi erano certezze soltanto per i Team Lenovo (Bagnaia e Bastianini) e Pramac (Martin e Morbidelli, quest'ultimo in arrivo dalla Yamaha).