Comunicato Yamaha su penalità Quartararo: “Altri incidenti rimasti impuniti”

Pubblicato il autore: Davide Corradini

comunicato yamaha
Comunicato Yamaha su penalità Quartararo: “Altri incidenti rimasti impuniti”. La Yamaha ha pubblicato un duro comunicato per “esprimere la sua delusione riguardo il long lap penalty a Quartararo”, sanzione ricevuta per l’incidente con Aleix Espargaró ad Assen e che dovrà essere scontata dal francese nel prossimo GP. Ecco le novità.

Comunicato Yamaha, Quartararo penalizzato?

Al quinto giro del GP Olanda, Fabio Quartararo ha provato un sorpasso su Aleix Espargaró per guadagnare la seconda posizione. La frenata del francese è stata troppo aggressiva: il pilota della Yamaha è scivolato, finendo addosso allo spagnolo. Una decisione criticata da Quartararo sui social: “Congratulazioni agli Steward per lo splendido lavoro che state facendo: la prossima volta non proverò più nessun sorpasso, dovendomi preoccupare di non prendere una sanzione“. Dopo le parole del francese, anche la Yamaha ha criticato la penalità attraverso un comunicato ufficiale, che riportiamo di seguito in forma integrale.

Lin Jarvis, amministratore delegato di Yamaha Motor Racing e Team Principal di Monster Energy Yamaha MotoGP, esprime la sua delusione per la penalità sul long lap penalty per il prossimo Gran Premio di Gran Bretagna che Fabio Quartararo ha ricevuto dal pannel dei Commissari Sportivi della FIM MotoGP a seguito di un incidente di gara con Aleix Espargaró sul giro 5 del TT di Assen.

Il Team Yamaha MotoGP non è d’accordo con la decisione di domenica del panel degli Steward della FIM MotoGP per i seguenti motivi: “L’incoerenza con cui le penalità vengono applicate dal panel dei Commissari Sportivi FIM MotoGP durante la stagione 2022 danneggia l’equità della MotoGP e la fiducia nella giurisdizione dei Commissari Sportivi. Ci sono stati almeno altri tre gravi incidenti di gara nella classe MotoGP (con conseguente ritiro dei piloti dalla gara e/o lesioni) che sono rimasti impuniti. Volevamo impugnare la decisione dei Commissari Sportivi domenica alla pista di Assen, ma questo tipo di penalità non è oggetto di discussione né di ricorso. È proprio per questi motivi che le decisioni corrette, equilibrate e coerenti dovrebbero essere prese in primo luogo dagli Steward ed eseguite entro un lasso di tempo corretto e ragionevole.”

  •   
  •  
  •  
  •