Jannik Sinner agli ATP Indian Wells: “Per un momento non sono stato bene. Con Kyrgios sarà difficile”

Pubblicato il autore: Margot Grossi


Jannik Sinner si gode la vittoria sul francese Benjamin Bonzi al terzo turno di Indian Wells. La forza e la determinazione con cui il 20enne di San Candido ha disputato la sfida lo hanno aiutato anche nel momento in cui non sentiva al meglio. Infatti alcuni piccoli problemi di salute lo hanno tenuto con il fiato sospeso ed un po’ di tensione.

Nonostante la partita non scintillante, è riuscito a battere una bella prova dell’avversario. All’inizio del match, Sinner ha anche avuto alcuni problemi fisici, tanto da chiamare il fisioterapista per un consulto: “Non voglio parlare esattamente di cosa ho avuto, ma c’è stato un periodo del match in cui non mi sono sentito bene, poi per fortuna mi sono ripreso. C’è stata un po’ di fortuna che abbiamo giocato la sera, e senza sole mi ha aiutato. Poi lui ha giocato molto molto bene soprattutto la parte del rovescio e io ho provato a star lì e per fortuna è andata bene”.

Il servizio è uno degli aspetti più riusciti della gara di Sinner: “Sicuramente la cosa più importante per me era di rimanere lì nel match sia con la testa, di trovare una soluzione quando non giochi bene, e poi di star lì con il mio servizio. Ho sentito che dovevo fare molto di più e nei punti importanti l’ho fatti, che sul 5 pari nel tie-break con una bella seconda. Anche nel secondo ho servito abbastanza solido”.

Jannik Sinner parla del prossimo match con Kyrgios

Per quanto riguarda il suo cammino al BNP Paribas Open, al momento della conferenza non si era ancora svolto l’incontro tra Casper Ruud e Nick Kyrgios poi vinto dall’australiano: “Ora ci sarà sicuramente una partita difficile. Con Ruud ci ho già giocato, con Kyrgios mai, mai giocato, mai allenato. Sarà una partita difficile. Sappiamo quanto è forte Kyrgios e sarà una partita sicuramente tosta”.

  •   
  •  
  •  
  •