Presidenza Figc, Nicchi conferma: è corsa a tre per il dopo Tavecchio

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
presidenza figc

Marcello Nicchi, presidente dell’Associazione Italiana Arbitri

Presidenza Figc, incontro oggi a Firenze nella sede della Lega Pro alla quale ha partecipato anche il numero uno dell’Associazione Italiana Arbitri. C’erano davvero tutte le componenti tecniche del calcio italiano, eccezion fatta per i rappresentanti della Lega di A.
Intervistato da Tuttomercatoweb Radio, l’ex arbitro ed attuale capo dei fischietti italiani sembra avere le idee chiare sui potenziali candidati alla presidenza della Figc: “Le probabili posizioni sono Gravina, Tommasi e Sibilia».
Si fa più fitta la lista dei papabili a succedere il dimissionario Carlo Tavecchio, che ha lasciato il posto in seguito alla débâcle dell’Italia e la conseguente eliminazione dai prossimi Mondiali di Russia 2018. Tra i vari nomi fatti in queste ultime ore, spicca sicuramente quello di Damiano Tommaso, numero uno dell’Assocalciatori, caldeggiato da un nutrito gruppo di addetti ai lavori. La sua elezione porterebbe senza dubbio una ventata di freschezza nel mondo del calcio italiano, che ha bisogno come non mai di rinnovamento negli uomini, nella politica e nella gestione, al fine di realizzare i tanto acclamati progetti.

potrebbe interessarti ancheMondiali Ciclismo Innsbruck 2018: le liste dei convocati di tutte le nazionali

Presidenza Figc, le dichiarazioni del presidente degli arbitri

Marcello Nicchi fa il punto della situazione in seguito all’incontro che lo ha visto protagonista con i rappresentanti del calcio italiano e lo fa soprattutto in vista della assemblea del consiglio federale che dovrà eleggere il prossimo presidente della Figc. Categoriche le sue dichiarazioni: «La montagna ha partorito un topolino – afferma l’ex arbitro -. Le tre posizioni si stanno confrontando, domani andremo tutti – aggiunge -, per questione di educazione, a parlare con i rappresentanti della Lega di A a Milano e diremo le nostre posizioni per far sì che, con una loro idea, si possa sbloccare la situazione. Non c’è convergenza, ma può avvenire. Da quello che accadrà domani inizieremo a prendere la calcolatrice. Ho visto solo il programma di Gravina – conclude – che è interessante, gli altri non li hanno presentati».
All’incontro odierno hanno preso parte, oltre a Nicchi, anche il presidente della Lega di Serie C, Gabriele Gravina, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, il presidente della Lega di Serie B, Mauro Balata, il presidente dell’Associazioni Italiana Allenatori, Renzo Ulivieri, ed il presidente dell’Assocalciatori, Damiano Tommasi.
Come anticipato, la Lega di Serie A era l’unica assenza accertata: per quest’ultima è in programma un assemblea domattina a Milano, così come la Lega Pro, che invece si riunirà a Firenze. Solo sabato prossimo sarà la volta della Lega Nazionale Dilettanti.

potrebbe interessarti ancheCagliari e la Nazionale ai piedi di Barella. Fenomenologia di un campione umile.

notizie sul temaRanking FIFA settembre 2018: Francia e Belgio prime a pari merito. Brasile terzo, Italia ventesimaInfortunio Cutrone, niente di grave per la caviglia: Gattuso può recuperarlo per CagliariRisultati Nations League: volano Spagna e Ucraina, Bosnia verso la promozione. Italia quasi in B
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,