Chris Jericho attacca duramente la WWE

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

Chris Jericho
Tra i wrestler più amati attualmente in circolazione c’è sicuramente Chris Jericho. L’atleta canadese, classe ’70, per vent’anni ha fatto parte della WWE, fino al 20219, quando ha deciso di firmare per l’All Elite Wrestling.

Jericho è uno dei wrestler più decorati di tutti i tempi, avendo vinto trentacinque titoli tra WWE, WCW, ECW, AEW, NJPW e CMLL. È in totale un sette volte campione del mondo, avendo detenuto una volta il WWE Championship e il AEW World Championship, due volte il WCW World Heavyweight Championship e tre volte il World Heavyweight Championship; è anche un due volte United States Champion, sette volte World Tag Team Champion e nove volte Intercontinental Championship, il che lo rende uno dei quattro wrestler ad aver completato il Grand Slam della WWE sia con il vecchio formato (quarto) sia con il nuovo (settimo).

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League: stasera le semifinali Russia-USA e Ungheria-Canada

Chris Jericho, è scontro con la WWE

Il canadese in queste ore è balzato nelle notizie per il suo attacco alla Federazione più importante di wrestling. Tra le varie compagnie c’è una dura lotta, tanto da istituire in maniera informale la Wednesday Night War. Triple H, in una recente intervista, ha provato a sminuire questa “guerra”, dichiarando che la WWE non è in competizione con nessuno.

Ecco quindi che non si è fatta attendere la risposta di Chris Jericho, fatta tra le righe del New York Post. Un attacco alla Federazione che per 20 anni l0 ha ospitato: “Questo è tipico della WWE… Ricordo che dopo la nostra prima puntata si erano congratulati con noi e dissero: “è una maratona, non uno sprint”. Abbiamo vinto la maratona, giusto? ora per loro è una finta guerra? Beh, allora perché dicevano che era una maratona e non uno sprint un anno e mezzo fa quando è uscito il nostro primo rating?“.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League: stasera le semifinali Russia-USA e Ungheria-Canada

Jericho sicuramente non ne manda a dire. Il canadese continua: “Se non era una guerra perché hanno preso il mercoledì sera lo alla stessa nostra ora? Era per toglierci gli ascolti e per non farci rifirmare gli accordi televisivi. Tre mesi dopo l’inizio della guerra ci hanno rifirmato un’estensione di centinaia di milioni di dollari. Hanno fallito”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: