Allegri in conferenza: “Juventus-Fiorentina è sempre complicata”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

Allegri

Giornata di vigilia a Vinovo, infatti domani a Torino si sfideranno la Juventus e la Fiorentina. Da poco è terminata la consueta conferenza stampa di Max Allegri, ecco le sue sensazioni:

Partita da snodo domani?: “Rappresenta una di queste, è uno snodo importante del campionato. Un risultato positivo accorcerebbe i tempi per la risalita in classifica rispetto ai tempi previsti. Il nostro obiettivo è essere a marzo competivi su tutti i fronti. Vediamo il derby come sarà, il sorteggio Champions lunedì e poi in campionato esser a marzo tra le prime ci darà chance per la vittoria”.

Prima vera sfida scudetto questa?: “La seconda a Roma lo è stata, a Napoli abbiamo allargato la forbice tra noi e loro. Siamo in un periodo positivo, domani servirebbe a noi per accorciare la classifica. Ripeto, dobbiamo arrivare. A marzo per giocarci lo scudetto o i primi tre posti”.

Come stanno i giocatori?: “Il derby è mercoledì, pensiamo al campionato. Stanno quasi tutti bene, dovrebbero essere tutti a disposizione”.

0-0 domani?: “Siamo in ritardo. Vediamo cosa faremo di,ani, nella vita di uguale non c’è sempre”.

Il momento di Rugani?: Il 3-5-2 lo potrebbe favorire? “L’ho visto bene, sta bene. Se non sarà domani da qui a Natale avrà il suo spazio”.

Possibilità di rimanere a Torino per Morata?: “Ha un contratto con la Juve e le cose poi verranno viste più avanti. In Champions ha sempre fatto gol o aiutati, ha avuto buone occasioni non andate a buon fine. Può capitare, ma la prestazione di Siviglia è stata importante. È un giocatore di livello europeo e in Champions è determinante”.

Fiorentina più fastidioso in casa o in trasferta?: “Ha dato continuità ai risultati, aggrediscono molto, hanno grande tecnica, sarà una gara di alto livello. Dobbiamo aggredire la partita e sappiamo che vincere domani ci farebbe far un grande salto”.

Sousa in una grande squadra?: “I risultati stanno dando ragione a lui. È un allenatore che avrà un futuro importante e nel calcio contano solo i riultati. Un conto è fare il giocatore e un conto fare l’allenatore”.

Cosa ha portato di nuovo Sousa?: “Nel calcio ci sono poche cose da inventare, ci sono ampi margini di lavoro e di miglioramento. I giocatori devono essere messi in condizione. Ci vogliono buoni giocatori e buona tecnica, compreso l’equilibrio”.

Si aspettava la Fiorentina così in alto?: “Hanno tanti buoni giocatori, è una squadra che gioca un buon calcio, senza pressioni. È sempre Juventus-Fiorentina ed è sempre complicato, non ci sarà nessuna marcatura particolare”.

Fiorentina candidata scudetto?: “La Fiorentina sta facendo un grande campionato”.

Contraccolpo psicologico dopo martedì?: “Iragazzi hanno fatto una buona partita dal punto di vista tecnico e abbiamo gestito male alcuni momenti e abbiamo preso gol. In Europa le partite sono diverse, giochi meglio perché ci sono più spazi, però devi stare attento perché c’è molta più qualità. Non si deve ami abbassar la guardia

Tutte le italiane avanti in Europa: “L’anno scorso le italiane hanno fatto molto bene in Europa, il campionato italiano non è così malconcio. Sono andate tutte avanti ma sarebbe bello riavere la quarta squadra per la Champions, se non quest’anno l’anno prossimo. Questo è un complimento per tutte le squadre italiane”.

  •   
  •  
  •  
  •