Inter, stasera vietato sbagliare. Intanto, Montoya lancia una provocazione: “Al Betis per sentirmi di nuovo un calciatore”

Pubblicato il autore: Ilaria Ceracchi Segui
calendario serie a
Stasera a San Siro l’Inter ha solo una possibilità davanti a sé: quella di vincere. Ebbene sì, Roberto Mancini e i suoi uomini per riconquistare la fiducia di tifosi e società devono battere assolutamente il Chievo. Si va, dunque, alla disperata ricerca di una vittoria scaccia-crisi in casa Inter. Nella sfida di stasera i neroazzurri sono senz’altro i favoriti, almeno sulla carta. Il Chievo, infatti, aldilà della qualità tecnica inferiore,  ha una lista di infortunati piuttosto lunga. Inoltre, l’Inter ha anche il vantaggio di giocare in casa. Quindi, razionalmente l’Inter stasera potrebbe conseguire facilmente una vittoria, ma è ben noto che nel calcio nulla è scontato, l’ovvietà non gli appartiene. Infatti, anche la sfida con il Carpi, che milita nelle zone basse della classifica, sembrava essere una partita dal risultato ovvio, ma non è stato così. Beffata sul finale da Lasagna, l’Inter è riuscita a portare a casa un solo punto in quella gara. Chissà stasera con quale spirito entreranno in campo gli uomini di mister Mancini, se lasceranno nello spogliatoio quel nervosismo e quella mancanza di lucidità che li caratterizza da metà dicembre, da quando riportarono una sconfitta in casa contro una Lazio in piena crisi di risultato. Chissà, soprattutto, se Mancini ha ritrovato quella serenità e tranquillità che sembra averlo abbandonato dopo quello screzio avuto con Maurizio Sarri al termine della partita di Coppa Italia, in cui l’Inter uscì vincente. Tra l’altro, considerando la classifica, dopo la vittoria della Roma sul Sassuolo di ieri sera, l’Inter non è più sola al quarto posto, ma ci sono i giallorossi ora a fargli compagnia. In prospettiva scudetto, si sta allontanando sempre di più da quel primo posto che padroneggiava nei girone di andata. Se stasera riuscisse a conquistare la massima posta in palio e la Fiorentina non andasse oltre un pareggio, potrebbe salire e posizionarsi al terzo posto. Ma ci sono troppi se in questa previsione, e con i se e con i ma non si ottiene nulla, soprattutto in questo sport. Solo dopo la partita di stasera, sapremo se Mancini e gli altri torneranno a sorridere e ad avere fiducia in loro stessi o se, invece, alla Pinetina continueranno a prevalere tensione e musi lunghi.
Intanto, Martin Montoya, ex Inter e ceduto al Betis nella sessione di mercato appena conclusa, lancia qualche frecciatina a Roberto Mancini. Proprio oggi, nel giorno della sua presentazione alla stampa, come riportato da La Gazzetta dello Sport, il difensore ha dichiarato parole che non faranno molto piacere al ct di Jesi: “Ho accettato di venire al Betis per sentirmi di nuovo un calciatore, come non mi sono sentito e non ho potuto fare in questi sei mesi all’Inter. Non è stato per nulla facile il periodo all’Inter, non è certo stato tra i migliori momenti della mia carriera e quando si è palesato l’interesse del Betis e l’opportunità di vestire la maglia di un club così importante non ho nemmeno ascoltato le altre offerte”. In effetti, il calciatore spagnolo di proprietà del Barcellona, non ha avuto molto spazio e soprattutto non ha avuto grandi occasioni in cui mostrare le sue qualità: ha collezionato solo tre presenze in Serie A e una in Coppa Italia.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Probabili formazioni Borussia Mönchengladbach Inter: ritorna la Lu-La
Tags: