Verso Sassuolo – Torino, Mazzarri:”Domenica nessuna distrazione”

Pubblicato il autore: Aote Segui

Giornata di conferenza stampa per Walter Mazzarri, nell’antivigilia di Sassuolo-Torino: “Ho deciso di fare la conferenza venerdì così avete più tempo per farmi le domande“.

Dopo il vittorioso esordio casalingo col Bologna il tecnico toscano cerca il bis in casa di un altra emiliana, il Sassuolo.
Prima di parlare della gara, Mazzari si sofferma sulle emozioni provate al primo impatto con la nuova realtà granata: “Mi sono venuti i brividi: è stato bellissimo vedere tutti questi tifosi al primo allenamento, erano quasi 2000. Anche da questo si capisce che c’è fame di calcio a Torino ed è uno stimolo per necessario. Siamo un corpo unico, voglio creare quella sinergia con la tifoseria. Fare qualcosa di importante per una piazza che merita molto“.

Si entra poi nel dettaglio della sfida coi neroverdi di Iachini: “Non sarà una partita semplice, prima della sosta erano in un buon periodo di forma, e, in ogni caso, è una squadra che ha tanti buoni giocatori. Ci sarà da fare molta attenzione; il calo di concentrazione che abbiamo avuto per tre minuti all’inizio del secondo tempo col Bologna ci poteva costare caro. Ho lavorato su questo aspetto. Il calcio moderno non ti permette più di staccare la spina. Una squadra che vuole fare risultato deve essere concentrata per 95 minuti. Basta una piccola leggerezza e si paga a caro prezzo. E con il Sassuolo non deve succedere, loro sono molto temibili“.

A Reggio Emilia non ci sarà Belotti, ancora out per infortunio: “Ho parlato molto con lui. Segue sempre gli allenamenti anche quando non può partecipare. Per noi è un giocatore fondamentale e sta rispettando a pieno il suo programma di recupero“.

Saranno, invece, regolarmente a disposizione Ansaldi e Niang: “Ansaldi sta bene, ha recuperato, ma non credo che potrà partire dall’inizio. Non ha ancora i 90 minuti nella gambe e io, di sicuro, non voglio rischiarlo. Niang, invece, credo che abbia solo bisogno di un po di continuità.

Col mercato aperto ancora per due settimane impossibile non chiedere a Mazzarri indicazioni sul possibile ed eventuale operato del Torino: “Io posso dare delle indicazioni, le domande le dovete fare alla società“.

Capitolo modulo; Mazzarri riparte dalla sua, collaudata, difesa a tre, ma non esclude la possibilità, magari in futuro anche prossimo, di un cambiamento di modulo, vista la ricchezza della rosa nel reparto: “In Italia ho rispetto dei miei colleghi. Bisogna sapere cambiare pelle a livello tattico, saper interpretare più moduli perché gli allenatori sono bravi e ti prendono le misure. Ecco perché da giugno specialmente, se tutto va bene, vorrei una squadra che sappia fare due o tre moduli. In difesa se volessi fare la difesa a tre ci sono già tanti calciatori che l’hanno già fatta come Moretti, Burdisso e Nkoluou che, per caratteristiche, può fare di tutto.  Poi abbiamo Ansaldi che è un jolly, abbiamo Bonifazi e Lyanco che adesso è fuori. Abbiamo difensori di un certo livello e se nessuno è infortunato a livello numerico stiamo bene. Ora sta a loro mettermi in difficoltà nelle scelte“.

  •   
  •  
  •  
  •