Roma, Monchi vola da Pallotta per studiare il mercato del futuro

Pubblicato il autore: Stefano Salamida Segui
BENEVENTO, ITALY - SEPTEMBER 20: Ramon Rodriguez Verdejo Monchi of Roma during the Serie A match between Benevento Calcio and AS Roma at Stadio Ciro Vigorito on September 20, 2017 in Benevento, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

E’ in corso a Boston un vertice tra il direttore sportivo spagnolo Monchi e il presidente americano James Pallotta, per discutere sul futuro della Roma. Un futuro che sembra ancora in mano all’attuale tecnico Eusebio Di Francesco, che verrà sicuramente confermato sulla panchina giallorossa a meno che non raggiunga la qualificazione alla prossima Champions League. L’argomento più importante è la strategia di mercato per migliorare la squadra, con l’idea del presidente Pallotta, di utilizzare un nuovo strumento altamente tecnologico, ovvero, i software applicati al calcio. Secondo i proprietari americani, scouting e tecnologia potrebbe essere un binomio vincente per la ricerca di giocatori che soddisfino le caratteristiche del tipo di gioco dell’allenatore. Se la dirigenza, in questo caso della Roma, volesse individuare il giocatore che per caratteristiche tecniche e di gioco si avvicini a Mohamed Salah, il database sarebbe in grado di farlo, anticipando così le altre squadre. Questo strumento, ovviamente, non potrebbe mai andare a sostituire la figura professionale del direttore sportivo, ma andrebbe a semplificare la ricerca del giocatore.

Leggi anche:  Stefano Tacconi ricorda Maradona: "Il gol che mi fece su punizione è stato il secondo più bello di sempre"

Monchi, al contrario del precedente direttore sportivo Walter Sabatini, sarebbe più propenso all’approccio tecnologico per rendere la Roma una squadra all’avanguardia nell’utilizzo di questo strumento. La Roma, ovviamente, agirebbe in questo senso, senza tralasciare le doti e le capacità dello spagnolo, senza dimenticare il grande lavoro svolto in passato con il Siviglia, e quello che sta facendo tutt’ora con la società capitolina.

  •   
  •  
  •  
  •