Pallotta:”Barcellona? Sono fiducioso. Sulle cessioni di Pjanic e Salah non avevamo scelta”

Pubblicato il autore: Stefano Salamida Segui


Pallotta
torna a parlare della Roma, affrontando temi caldi come il calciomercato, lo stadio e la partitissima di Champions League contro il Barcellona. Intervistato ai microfoni della radio americana Sirius XM, si è rivelato molto ottimista per quanto riguarda il quarto di finale che la sua Roma giocherà contro i campioni del Barcellona:”Tutti mi dicono che questa sfida sia un po’ come Davide contro Golia, ma io penso che i miei giocatori possano giocarsela con chiunque. Basterebbe giocare i 90 minuti senza che il Barcellona approfitti di eventuali nostri errori. Ma per noi ogni partita è importante e penso che la squadra in questo momento stia pensando alla sfida di sabato contro il Bologna“.

LO STADIO DELLA ROMA – Il presidente giallorosso ha poi affrontato il tema che ormai da un po’ di tempo è diventato l’argomento principale di molte discussioni politiche e sportive dell’etere romano, ovvero, la costruzione dello stadio della Roma. James Pallotta si è espresso così per quanto riguarda la tempistica dell’inizio dei lavori:“Il nostro obiettivo è quello di ottenere il finanziamento entro i prossimi 6 mesi, dopo di che il nostro desiderio è quello di posare la prima pietra entro la fine dell’anno. Per costruire uno stadio come il nostro, che sia futuristico e all’avanguardia, potrebbero volerci dai 26 ai 28 mesi, ma tutto sta procedendo secondo il nostro piano iniziale“. Il Presidente americano svela un sogno nel cassetto:”Un giorno ci piacerebbe realizzare un incontro amichevole a scopo benefico nel Colosseo. Ho già parlato con il comune, loro sarebbero entusiasti di un evento del genere per la città di Roma. Basti pensare al mercato pay per view, una partita come Roma – Barcellona giocata nel Colosseo verrebbe comprata da migliaia di persone in tutto il mondo, e una somma di denaro verrebbe destinata come fondi ai monumenti o alle fondazioni per bambini. Sarebbe fantastico“.

Leggi anche:  SuperLiga serba - Il Partizan fa 13: Asano regola il Vojvodina

IL MERCATO DELLA ROMA – Per quanto riguarda il mercato della squadra giallorossa, Pallotta ha voluto spiegare perché alcuni giocatori importanti siano andati via dalla Roma:”Prima di tutto vorrei ribadire il concetto che la Roma non è un supermercato, anche perché è abbastanza frustrante sentirselo dire. Alcune cessioni sono andate oltre la nostra volontà, Pjanic aveva una clausola rescissoria ed è dovuto andare via, per quanto riguarda Salah, il suo contratto era in scadenza e la sua volontà era quella di andare via, in quel caso non avevamo scelta“. Infine il presidente della Roma parla dell’operato di Monchi, rassicurando i tifosi sul rafforzamento della rosa e sulla permanenza dei pezzi migliori:”Il nostro direttore sportivo Monchi ha fatto un ottimo lavoro, ci è voluto un po’ di tempo per adattarsi in un ambiente difficile come quello di Roma, ma nonostante il suo lavoro fosse limitato dal Fair Play Finanziario, ha effettuato un mercato eccellente. Credo che gente come Patrick Schick e Rick Karsdorp saranno molto importanti in futuro, non pensiamo di smantellare la squadra, ma di rinforzarla. Il nostro portiere Alisson e il giovane turco Cengiz Under rimarranno a Roma a lungo, sono il nostro futuro“.

  •   
  •  
  •  
  •