Spal-Juve, dubbi di formazione per Allegri. Mandzukic in panchina

Pubblicato il autore: Luigi Lencioni Segui

 

FERRARA, ITALY - OCTOBER 01: Alberto Paloschi of Spal celebrates after scoring the opening goal during the Serie A match between Spal and FC Crotone at Stadio Paolo Mazza on October 1, 2017 in Ferrara, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

A poche ore  dal fischio d’ inizio del posticipo di Ferrara che vedra’ la Juve affrontare la Spal, non tutte le scelte del mister sembrano state prese. Ci sara’ un turnover ragionato, considerando le squalifiche ed i numerosi impegni. La rifinitura ci farà capire di più, anche se possiamo entrare nel dettaglio.
Chiellini avrà un turno di riposo in difesa con l’ inserimento di uno tra Rugani e Barzagli in una difesa a 4 che sarà completata da De Sciglio ed Alex Sandro. Nota positiva, la convocazione di Howedes mai impiegato e vero oggetto misterioso. In mediana sarà out Kedhira febbricitante , la scelta del modulo, se con 2 o tre mediani risulterà decisiva anche in avanti.  Al momento ci sono più chance di vedere un centrocampo a due con Pjanic e Matuidi per schierare poi i 4 elementi davanti in un 4-2-3-1 ormai ben rodato e affidabile.
L’ altra ipotesi sempre validissima e’ l’ inserimento di Marchisio a centrocampo e la panchina per Mandzukic , ultimamente un po’ affaticato. Si tratterebbe di un 4-3-3 con un cambio offensivo da gestire eventualmente a gara in corso.

Leggi anche:  Coronavirus Serie A: ecco l'elenco di tutti i calciatori positivi

La Juve non può permettersi di sottovalutare la trasferta di Ferrara. Il cammino e’ ancora lungo, ogni partita può risultare decisiva. L’ultimo sforzo prima della sosta e di due gare con Milan e Real che influenzeranno le scelte odierne, la stagione e’ nel vivo. Sono tutte finali ed ogni energia risparmiata puo’ risultare decisiva.
Testa alla Spal, poi qualche giorno per staccare la spina verra’ concesso da Allegri, bravo a tenere sempre tutti sulla corda basta poco per rovinare tutto quello di buono che e’ stato fatto.

 

  •   
  •  
  •  
  •