Luciano Spalletti: “Ha ragione Mourinho, Ivan Perisic come Cristiano Ronaldo”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui
MILAN, ITALY - DECEMBER 16: Ivan Perisic of FC Internazionale Milano looks on during the Serie A match between FC Internazionale and Udinese Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on December 16, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

La Juventus si esalta per l’acquisto di Cristiano Ronaldo ma come dice anche Luciano Spalletti al mondiale brilla Ivan Perisic, stella dell’Inter e della nazionale croata che contenderà il titolo alla Francia domenica. L’esterno d’attacco nerazzurro ha letteralmente stupito il mondo con goal e gesti di gran classe, portando la sua nazionale dove neanche CR7 è riuscito a portare il suo Portogallo campione d’Europa.

Juventini in festa quindi per l’arrivo di Cristiano Ronaldo, ma cosa dovrebbero dire gli interisti che possono contare su due fuoriclasse come Brozovic e Perisic nella finale mondiale? Certo anche la Juventus è ben rappresentata con Mandžukić, anche se l’arrivo della stella portoghese ha un po’, per non dire del tutto, oscurato l’epopea mondiale dello juventino che sta letteralmente trascinando la sua nazionale. Ciò che di bello si può vedere nella nazionale croata e che non vi sono Brozovic, Mandzukic, Rakitic, Modric o Perisic, c’è una squadra, ed è un team non un singolo che sta scalando i vertici mondiali, come non si vedeva da molto tempo.

Leggi anche:  Amichevole, Sampdoria-Piacenza: streaming gratis e diretta tv in chiaro?

Luciano Spalletti: Ivan Perisic se sta bene è un giocatore determinante”

Mourinho lo voleva al Manchester Utd ma Spalletti è riuscito a trattenerlo, non a caso, perché la nuova stella dei mondiali quando vuole sa essere determinante come Cristiano Ronaldo:

“Stanno dimostrando il loro valore. Contro l’Inghilterra hanno giocato la gara più bella, con molta qualità. Brozovic in quella posizione fa la differenza. Su Perisic ha ragione Mourinho: se sta bene è un giocatore fondamentale e uno dei pochi a potersi accostare a Cristiano Ronaldo. Ha corsa, potenza, resistenza, sa difendere e attaccare allo stesso modo. Deve imparare a stare più in contatto con la fase centrale del campo quando c’è da andare a far gol. In questo Mondiale entrambi hanno acquisito maggiore consapevolezza, che metteranno a disposizione della nostra squadra. Vogliono far bene nell’Inter, ne sono sicuro”.

  •   
  •  
  •  
  •