Juventus, Perin-Szczesny: l’ex Genoa titolare al posto del polacco ? Che dilemma per Allegri

Pubblicato il autore: Alessio Prastano Segui

Mattia Perin – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Perin – Szczesny, che dilemma per Allegri. Sembrava un quesito impensabile, fino alla tournée americana, in cui il polacco ha evidenziato incertezze, culminate con la leggerezza che ha portato al goal di Asensio nel 3-1 finale a favore del Real Madrid. L’ex Arsenal e Roma non è nuovo ad errori del genere. Se torniamo con la mente al Mondiale di Russia, due distrazioni hanno messo in difficoltà la sua Polonia: Nel match contro il Senegal, Szczesny si è reso protagonista in negativo con un’uscita a vuoto, che ha propiziato lo 0-2 dell’ex milanista Niang; mentre nella sfida contro la Colombia, l’estremo difensore polacco ha mancato un’uscita alta su cross di James Rodriguez, permettendo il vantaggio di Mina; il risultato finale fu di 0-3 per i cafeteros.

Se Szczesny era stato designato come degno erede di Buffon, Mattia Perin è stato considerato, almeno nelle intenzioni iniziali, un ottimo numero 12. In realtà, il portiere ex Genoa, durante l’International Champions Cup americana, ha mostrato ottime qualità sia in uscita, come in occasione dell’amichevole contro il Benfica, sia nelle parate di conclusioni da fuori area, nel match contro il Bayern Monaco.

Allegri torna dall’America con un grattacapo stuzzicante. Scegliere il prossimo guardasigilli della Juventus, viste le premesse, non sarà una scelta facile. D’altronde, nel giorno della sua presentazione, Perin aveva promesso di impegnarsi e sudare tutti i giorni in allenamento, in modo da mettere in difficoltà il suo allenatore ed avere le chances giuste per dimostrare il proprio valore. “Parto svantaggiato” aveva detto: Szczesny proviene da una buona prima stagione in bianconero, ed è per questo che si è guadagnato i gradi di numero 1 della Juventus. Dall’altro canto, l’ex Genoa ha avuto anch’egli il privilegio di imparare, durante i soggiorni in Nazionale, da un certo Buffon, ragion per cui sarà una competizione sana ed avvincente.

I due, come tutti componenti della rosa che dovranno conquistare una maglia da titolare, non dovranno dar nulla per scontato. Ogni allenamento sarà decisivo per le gare della domenica e del martedi/mercoledi.
Perin – Szczesny, la sfida è partita, ma in ogni caso, la Juventus è in ottime mani.

  •   
  •  
  •  
  •