Juventus, tentazione 4-4-2 per Max Allegri. Il tecnico bianconero studia il cambio di modulo

Pubblicato il autore: danilotaverniti Segui
TURIN, ITALY - DECEMBER 23: Massimiliano Allegri head coach of Juventus FC looks on during the serie A match between Juventus and AS Roma at the Alliannz Stadium on December 23, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

In casa Juventus è arrivato il tempo di pensare alle prime gare ufficiali, visto e considerato che sabato ci sarà l’esordio in campionato contro il Chievo. Una trasferta non semplice che i bianconeri non hanno nessuna intenzione di sottovalutare. Max Allegri potrebbe rinunciare al consueto 4-3-3 per passare ad un più prudente 4-4-2, tutto ciò per via della forma precaria di diversi calciatori bianconeri. Mandzukic è rientrato da pochi giorni dopo il Mondiale di Russia e al momento non ha nelle gambe i 90 minuti.

Stesso discorso per Dybala e Douglas Costa, d’altronde, siamo ancora nel mese di agosto e non si può di certo pretendere di avere i calciatori al massimo della condizione. Chi invece appare già rodato e pronto al grande salto è Federico Bernardeschi. Il talento azzurro potrebbe essere la sorpresa in queste prime gare ufficiali e Allegri potrebbe schierarlo come esterno a destra, in un sempre più probabile 4-4-2 intento a dare i giusti equilibri in queste prime gare ufficiali.

Leggi anche:  Dove vedere amichevole Inter-Pergolettese, streaming e diretta TV Sky?

In questi anni in bianconero il tecnico ex Milan ha spesso stupito con mosse a sorpresa, come dimostra l’intuizione di trasformare Mandzukic in esterno alto d’attacco. La rosa a disposizione permette diversi cambiamenti in corsa e non bisogna dimenticare che in ogni ruolo sono presenti almeno due calciatori di primissimo livello. La Juventus fa paura sopratutto in avanti. La presenza di Cristiano Ronaldo incute timore e gli avversari sono avvisati: “La Vecchia Signora fa sul serio e vuole lasciare le briciole alle rivali”.

  •   
  •  
  •  
  •